Camera iperbarica, Forno “chiama” il consiglio comunale

Ripertura camera Iperbarica, Forno chiede chiarimenti al consiglio Comunale sulla riapertura della camera iperbarica.

166

“Sicuramente, tutti voi, conoscete l’intera problematica della mancata riapertura, dal 2010, della camera iperbarica dovuta a problemi burocratici inesistenti”. Inizia così una nota del presidente dell’associazione Francesco Forno, che da anni si batte per la riapertura della camera iperbarica in città.

“Nel corso della campagna elettorale che ha visto la vostra elezione – dice Forno rivolgendosi agli attuali amministratori – con molti di voi e con i candidati a Sindaco ho ricordato questo argomento ed ho chiesto alla VII Commissione Sanità della Regione Lazio, l’audizione della nostra Associazione. Poiché, al momento, non ci è stata data una risposta gradirei che la massima assise cittadina deliberasse di essere ascoltata sull’argomento insieme a noi per far capire veramente la situazione, considerando che già dal 2016, in diversi incontri con la Regione, avevamo concordato le modalità della riapertura. Come è noto – prosegue il presidente dell’associazione – recentemente, l’Autorità Portuale di Civitavecchia ha deciso lo smontaggio della intera struttura, ed il suo trasferimento presso il costruttore, con una motivazione, mai notificata alla Associazione (che fino allo scorso mese di maggio aveva in consegna la camera iperbarica già dal maggio 2010), di impossibilità di mantenimento della struttura in area demaniale. Durante la scorsa campagna elettorale, la scrivente associazione ha suggerito di utilizzare, per il trasferimento immediato a Civitavecchia, della struttura una location individuata in un’area già di proprietà della R.F.I. situata all’interno del parcheggio della auto situata ad est della stazione ferroviaria. Al riguardo, ricordo, che il Comune di Civitavecchia ha già un protocollo firmato con RFI (che ha già portato alla realizzazione del nuovo parcheggio su viale della Vittoria) su cui ragionare per il trasferimento in città, in zona centrale, e con parcheggio e possibilità di realizzare anche l’eliporto (già programmato in ambito portuale accanto all’attuale struttura).

Ricordo, infine – conclude Forno – che il vecchio Consiglio Comunale, nell’ottobre 2018, approvò, alla unanimità, un ordine del giorno proposto dalla Consigliera Alessandra Riccetti, per la riapertura della camera iperbarica”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui