Cani abbandonati e cani persi, cercati disperatamente e ritrovati: vi raccontiamo la storia di Mia

154

Viterbo- C’è ancora chi li abbandona, soprattutto in estate, rischiando pene severissime e condanne. Ma per fortuna c’è anche chi li cerca disperatamente quando, per caso, si smarriscono. Stiamo parlando di cani, ma anche di gatti e di animali domestici in genere.

Gli animali non parlano, non denunciano, ma anche nel silenzio attraverso gli occhi, sanno raccontare le sofferenze. Non sanno cosa sia il rancore, e la coda continua ad agitarsi per un primordiale istinto di riconoscenza, verso coloro ai quali vogliono bene. È nel loro dna di animali generosi.

Ma oggi, anzichè di animali abbandonati, vogliamo parlare di un cane ritrovato con grande gioia dai suoi padroni. Mia, una deliziosa barboncina bianca, mai uscita di casa, si è avventurata fuori dal cancello nei giorni scorsi.

Impaurita dalle automobili, con gli occhietti terrorizzati e la lingua penzoloni per il caldo, ha cominciato a correre disperatamente in mezzo al traffico cittadino, non riuscendo più a orientarsi.

Molti viterbesi l’hanno vista girovagare fra i quartieri Ellera e Santa Barbara; addirittura l’hanno avvistata mentre faceva zig zag pericolosamente fra le quattro corsie del raccordino, in cerca dei suoi cari.

Poi un tam tam di condivisioni, di telefonate, di messaggi, di perlustrazioni. Tanti concittadini si sono messi a cercarla, anche di notte, nelle strade, negli angoli, sotto i palazzi dell’Ellera, ovunque.

E, dopo circa 4 giorni, ieri sera, quando ogni speranza sembrava quasi persa, la bella notizia: Mia è stata ritrovata da una signora!
Una storia a lieto fine per la deliziosa barboncina microchippata e per la sua famiglia.

Ricordiamo però che ci sono anche tanti cani che aspettano una famiglia, chiusi nei canili.
Un gesto di bontà verso i migliori amici dell’uomo può renderli e renderci felici.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui