Cani maltrattati: animalisti in prima linea contro Barbara Cavicchioli

La donna, residente a Montopoli, ha subito otto sequestri per un totale di 500 cani, ciononostante continua a farsi affidare animali

24424

Si chiama Barbara Cavicchioli ed è residente a Montopoli in Sabina, in una casa trasformata in un canile lager in cui cani, ricevuti in stallo o in adozione, subiscono pesanti maltrattamenti.

L’ultimo sequestro, l’ottavo, il 6 giugno scorso. In quella circostanza alla Cavicchioli vennero tolti più di 500 animali tra cani e gatti, in stato di denutrizione e malati, rinchiusi in piccole gabbie.

Sono le associazioni di volontari, anche di Viterbo a lanciare l’allarme perchè la donna, nonostante questi otto sequestri, alla data dell’ultimo aggiornamento del 10 agosto scorso, continua ancora ad ospitare cani,  reperiti tramite annunci in rete e sui social dedicati.

La 63enne, condannata per maltrattamento di animali in via definitiva da parte della Cassazione, non sembra però intenzionata ad abbandonare la sua crudele attività e continua a convincere ignare persone con il suo camuffato amore per i quattrozampe.

Per questo motivo le associazioni animaliste stanno diffondendo quanto più possibile il suo nome per evitare ulteriori episodi di violenza e soprattutto perchè, vista la condanna della donna, chiunque continui a consegnarle animali potrebbe essere perseguito e denunciato  per abbandono.

 

 

 

 

6 Commenti

  1. Gli animalisti per lo piu’ hanno un cane in casa e a volte nemmeno uno . Perche’ si scagliano contro chi si e’ fatta trascinare a gestirne di piu’ per compassione di essi , anche se poi e’ incappata in eventi spiacevoli dovuti alla ovvia mancata” mano d’ opera” ??
    Aiutate queste persone , prima di infamarle !!!!!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui