Caos rifiuti, Arena chiede i danni alla Regione e avvisa i cittadini: “Bisogna cambiare cultura”

Prosegue la "guerra dei rifiuti" con il sindaco Arena che chiede i danni alla Regione e invita i cittadini a cambiare mentalità

298
caos rifiuti sindaco arena

“Ancora una volta ci ritroviamo ad affrontare un problema di burocrazia italiana”.

Esordisce così, in un video pubblicato sulla sua pagina Facebook, il sindaco Giovanni Maria Arena. Attorno a lui, una grande quantità di spazzatura accatastata e abbandonata sotto la cocente luce del sole.

Il “problema” è questa volta un’area di proprietà della Regione Lazio situata a Viterbo, da tempo in stato di abbandono e utilizzata impropriamente da alcuni cittadini come discarica abusiva.

“Si tratta di una situazione vergognosa e inaccettabile” – continua il primo cittadino della Città dei Papi – “Ci siamo mossi con un’ordinanza nei confronti della Regione, chiedendo i danni, e nel frattempo il Comune di Viterbo si occuperà di ripulire l’area, nonostante non sia di sua competenza diretta”.

L’area, stando ai commenti dei cittadini indignati ricevuti dal filmato su Facebook, sarebbe situata in zona Riello.

Presto, rassicura il sindaco ai suoi “followers”, arriveranno delle telecamere (pagate con dei fondi statali già richiesti dall’amministrazione alla Prefettura) per controllare questa e altre aree, così da impedire ai meno rispettosi di deturpare ulteriormente il suolo pubblico abbandonato immondizia.

Tuttavia, dichiara ancora il sindaco in risposta a un altro concittadino: “Bisogna cambiare la cultura, altrimenti sarà una lotta molto difficile”. Intanto, delle lettere di protesta firmate da Arena sono state consegnate al presidente della Regione Zingaretti e al sindaco di Roma Virginia Raggi. La guerra di trincea tra cataste di rifiuti continua.

➡️Una situazione paradossale che deve finire!#rifiutizero #ridurre #riutilizzare #riciclare #recuperare

Pubblicato da Giovanni Arena Sindaco su Lunedì 8 luglio 2019

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui