Caos Talete, i comuni dissidenti: “Ci dicano cosa dobbiamo fare” 

E' giallo sulle tempistiche che porteranno le amministrazioni dissidenti verso la partecipata del servizio idrico.

277
acqua

Caos in Talete. E’ giallo sulle tempistiche che porteranno le amministrazioni dissidenti verso la partecipata del servizio idrico. Il commissario dovrebbe arrivare a breve, ma non è dato sapere se il passaggio definitivo si avrà a partire da inizio agosto o dal 2020. Un’incertezza che crea non pochi problemi gestionali alle amministrazioni commissariate. 

“Sono andato in Regione e mi hanno detto che il commissario una volta nominato avrà tre mesi di tempo per effettuare il passaggio: una procedura che si dovrebbe concludere entro fine luglio”, fin qui tutto ok, fa intendere il sindaco di Ronciglione Mario Mengoni. “Quello che non è chiaro è se il servizio verrà subito affidato subito a Talete o se verrà presa in carico dalla società a partire dal 2020. I sindaci, infatti, non sanno se procedere con la normale amministrazione o se aspettare indicazione dalla Regione. Dobbiamo procedere noi con gli affidamenti per la lettura dell’acqua? Dobbiamo gestirla noi nel frattempo?” – si domanda -“Ce le devono dire perché noi amministratori devono programmare l’anno in corso. Non ho potuto programmare nessun affidamento proprio per questo motivo”. 

Un’altra voce si aggiunge al coro di polemiche: è il primo cittadino di Vasanello Antonio Porri. Secondo il sindaco, il passaggio a Talete “determinerebbe un aumento di ben cinque volte il costo dell’acqua per i cittadini, insostenibile per i piccoli comuni già vessati dai tagli ai fondi e dalle imposizioni statali”. E ancora: “A che titolo dovrebbero finire la rete idrica nelle mani di una società che, un domani, potrebbe diventare privata ed appropriarsi quindi anche di beni comuni?” Quella dell’eventuale privatizzazione è una questione non sottovalutabile: i problemi di gestione e il debito di Talete infatti potrebbe aprire la porta ai privati, un’ipotesi che andrebbe a scontrarsi con l’esito del referendum sulla privatizzazione. 

A richiamare la consultazione del 2011 è anche Fratelli d’Italia Orte – altro comune minacciato dal commisarimento – che si unisce insieme alle Lega per rivendicare l’acqua pubblica come un diritto. “Interesseremo prontamente i parlamentari regionali, perché si oppongano in ogni modo per scongiurare tale accadimento”, fa sapere il Carroccio. Per FdI il commissariamento non è altro che “un atto d’imperio che farebbe aumentare di ben 5 volte il costo dell’acqua per i cittadini. L’acqua è un bene primario, è necessario alla vita, la sua gestione deve restare pubblica in mano ai comuni” così recitata la nota dei meloniani rivolta al Presidente della regione Lazio Zingaretti. 

Insomma, la situazione è destinata a rimanere instabile ancora per molto. Da non sottovalutare a questo proposito le elezioni amministrative di fine maggio. Queste, insieme al subentro dei nuovi sindaci commissariati, con ogni probabilità cambierebbe i rapporti di forza dentro all’assemblea dei soci. Chi ci rimetterà invece –  non è cosa nuova – sarebbero i cittadini. 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui