Cari compagni, la Liberazione non è rossa! Non lamentatevi, poi, se fischiano “Bella ciao”…

Alla distinzione tra democrazia e dittature. Però... Eh sì... Però basta con il Pd voglioso di un qualche miracolo che lo rianimi d'incanto, con l'ultra-sinistra nostalgica del pugno chiuso, con i partigiani monocolore dell'Anpi, con chi vede e sventola sempre e solo il rosso...

687

Giusto, sacrosanto, ineliminabile commemorare la Liberazione e ricordare. Onorare i caduti nella lotta alla barbarie nazista e alla folle stupidità di chi, Benito Mussolini – fascista e italiano – si unì a Hitler per “conquistare” il mondo e cancellò con quella scellerata scelta quanto di buono – perché del buono ci fu – aveva fatto nel ventennio al potere.

Tutto questo va detto. E’ onestà. Fedeltà alla storia. Alla distinzione tra democrazia e dittature. Però… Eh sì… Però basta con il Pd voglioso di un qualche miracolo che lo rianimi d’incanto, con l’ultra-sinistra nostalgica del pugno chiuso, con i partigiani monocolore dell’Anpi, con chi vede e sventola sempre e solo il rosso… Tentano da decenni, sfacciatamente, d’impadronirsi della Resistenza e di trasformare la Festa che dovrebbe unire, la Festa di tutti gli italiani, in una manifestazione di partito. Basta con i comunisti che non cambiano mai, sotto qualsiasi sigla si mascherino! La democrazia e la libertà non ce l’hanno regalata loro.

Fosse stato per lorsignori (non finiremo mai di ringraziare Alcide De Gasperi), nel ’48 il compagno Togliatti e gli altri trinariciuti apostoli del verbo della Mosca sovietica ci avrebbero trasportato di peso oltrecortina, di là, e resi obbedienti ai diktat dei nemici della libertà e delle democrazie occidentali.

E allora, cari lettori, perché meravigliarsi se a Viterbo – al suono dell’immancabile “Bella ciao!” – fischi (e nemmeno pochi) si sono levati da chi stava seguendo il corteo? Noi non ci meravigliamo. E possiamo pure comprendere… La retorica e la prepotenza ideologica hanno fatto il loro tempo. E hanno irrimediabilmente rotto le balle a molti.. O no? Credo proprio di sì!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui