Dalla lettera al direttore pubblicata ieri diversi spunti di riflessione interessanti, noi li abbiamo raccolti per fare un paragone con Belcolle

Cari medici della Cisl, avete ragione: D’Amato deve rispondere

135

Sapete chi sono Flora, Fauna e Serenella? Sono le tre fatine de “La bella addormentata nel bosco”, e sembra che siamo state appositamente richiamate in servizio dall’Assessore Regionale alla Sanitá, il geometra D’Amato, sociologo e uomo scelto di Zinga che sta contrastando il Covid 19 nel Lazio.

Eh sì, perchè dalla lettera della CISL Medici Lazio, pubblicata da noi ieri, sono fin troppi gli spunti che si offrono all’attento lettore, il quale non puó che affidarsi alla magia delle fiabe per vivere il sogno della traballante realtá Viterbese.

Partiamo dalle parole del prof. Crisanti, ordinario di Microbiologia (attenzione a questo fondamentale dettaglio) all’Universitá di Padova. Nessuno, e ci mancherebbe, chiama semmai distrattamente in causa la Genetica Molecolare che invece a Viterbo processa illegittimamente i tamponi naso-faringei, con tanto di benedizione di Rai 3 Regione: forse questo sfugge al geometra D’Amato, sociologo, che quale Assessore di branca dovrebbe conoscere l’abissale differenza e competenza tra la sezione di Microbiologia del Laboratorio Analisi (unico autorizzato è legittimato a processare i tamponi) ed il Laboratorio di Genetica Medica (ma lì abbiamo a Viterbo gente che siede vicino alla Luce).

E che dire della problematica relativa alla climatizzazione ambientale? Noi avevamo indicato la criticitá del sistema aeraulico degli Infettivi, addirittura con fondi regionali stanziati per la sua sostituzione da oltre due anni e, se non erriamo, abbiamo attraversato il periodo clou della pandemia senza che quei lavori avessero avuto luogo.

E la ciliegina della mobilitá passiva, ovviamente, egregio geometra D’Amato, sociologo, che durante il regno Donetti ha ulteriormente e pesantemente aggravata la sua tendenza al crescere, come una deprecabile ed avvilente palla al piede?

Ebbene, egregio geometra D’Amato, sociologo, assessore, a Belcolle non tremiamo quanto a psicologi, un esercito da Passo delle Termopili, assumiamo un ingegnere biomedico attingendo da una graduatoria di Tor Vetgata (magari controlliamo la pianta organica in merito), ma le tre fatine non basteranno per il gran ballo finale, come vuole la fiaba di Perrault.

1 commento

  1. Quindi un geometra sociologo alla guida della Sanitá del Lazio, come mettere un Ingegnere Informatico in sala operatoria🤣🤣🤣🤣🤣🤣. Lo zingaro è veramente un fenomeno, come il PD in genere. Auguri!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui