Dopo l'articolo de Il Tempo le imprese del turismo scrivono al sindaco

“Caro sindaco, sospenda la Tari ai ristoratori per tutto il 2020”

80

“IL TEMPO”

…”Cara sindaca Virginia Raggi, se lei c’è batta un colpo sulla Tari, glielo chiedono i ristoratori romani”.
Due giorni fa ” Il Tempo” ha pubblicato la notizia delle cartelle Tari, arrivate in questi giorni ai ristoratori romani e relative al primo semestre 2020, il semestre di cui fanno parte, marzo, aprile e maggio, i mesi della chiusura e del lockdown nazionale.
Giorni duri che per i ristoratori romani (e per molti italiani non dipendenti pubblici) hanno significato zero incassi. Oggi, con una lettera aperta, inviata al nostro giornale ed indirizzata alla sindaca Virginia Raggi, Paolo Bianchini – presidente nazionale di MIO Italia (movimento imprese ospitalità), aderente alla Federturismo Confindustria – chiede che Roma dia l’esempio all’Italia e sospenda la Tari per tutto il 2020.

“In queste ore – scrive Bianchini – lei cara sindaca Virginia Raggi ha una grande occasione per dimostrare la vicinanza e il sostegno alla ristorazione romana. Ha la possibilità di dare un segnale che parta proprio dalla Capitale e venga preso ad esempio da tutti i sindaci d’Italia. Sospenda la Tari per il 2020 e provveda con una rateizzazione sul 2021. Le nostre aziende, soprattutto nel centro di Roma, sono al collasso, senza i turisti stranieri ed una sua decisione in tal senso sarebbe oltreché una bella boccata d’ossigeno per tante imprese che danno lavoro a migliaia di lavoratori e fornitori pure l’occasione di avvicinare la politica alla dura realtà di un mondo, quello della ristorazione, tra i più colpiti dall’emergenza economica scatenata dal Covid-19. Un piccolo segnale di fiducia verso un futuro che molti di noi vedono nero o non vedono affatto. Se lei vuole io sarò a sua disposizione per farle fare un giro nelle zone più colpite da questo terremoto economico e per farle toccare con mano la realtà che le sto rappresentando sulla ristorazione”.

Fin qui le parole di Bianchini. Adesso non resta che aspettare la risposta, speriamo tempestiva, della sindaca Virginia Raggi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui