Caso CREA, il ministro Centinaio non esclude il commissariamento

Anche il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Gian Marco Centinaio è intervenuto sulla vicenda giudiziaria legata al CREA.

176
Viterbo-piazza-del-comune

Anche il Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Gian Marco Centinaio è intervenuto sulla vicenda giudiziaria legata al CREA (il Consiglio per la Ricerca in agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria), che vede coinvolto – tra gli altri – Salvatore Parlato, presidente di Talete, società comunque estranea ai fatti, e attualmente in vacanza – questa la versione fornita da persone a lui vicine – all’estero.

“La vicenda mi ha lasciato molto sorpreso – ha dichiarato Centinaio nel corso di una conferenza stampa in Senato – e nelle prossime ore farò il punto della situazione. Sto valutando tutte le possibili soluzioni, tra cui il commissariamento del CREA”.

L’intera vicenda ha coinvolto “a latere” la società Talete, che gestisce il servizio idrico nel viterbese. Nonostante l’azienda sia completamente estranea ai fatti, è stato inevitabile per la Guardia di Finanza di Roma condurre delle indagini interne all’azienda, visto che per il presidente Parlato sono stati predisposti gli arresti domiciliari, provvedimento che scatterà non appena rientrerà dall’estero.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui