Caso Vannini, di nuovo in Procura Viola Giorgini

La fidanzata di Federico Ciontoli è stata interrogata dai pm dopo le clamorose rivelazioni di Davide Vannicola.

1029
La famiglia Ciontoli

A distanza di 4 anni, Viola Giorgini si è trovata nuovamente dentro un ufficio della Procura della Repubblica di Civitavecchia, per raccontare cosa è successo la notte tra il 17 ed i 18 maggio del 2015 nella villa di Antonio Ciontoli, quando un colpo di beretta calibro nove ha spezzato la vita di Marco Vannini. Anche lei infatti, fidanzata di Federico Ciontoli, è stata interrogata dal procuratore capo Andrea Vardaro e dal sostituto Roberto Savelli, quale persona informata sui fatti nell’altra indagine sulla morte del ventenne di Cerveteri, quella nata dopo le clamorose rivelazioni di Davide Vannicola. L’artigiano di Tolfa, ha infatti raccontato prima a “Le Iene” e poi anche alla magistratura inquirente, che il comandante dei carabinieri della stazione di Ladispoli, il luogotenente Roberto Izzo, gli aveva confidato che quella notte a sparare non fu Antonio Ciontoli, ma Federico, proprio il fidanzato di Viola Giorgini. Così, la ragazza è stata convocata in Procura ed ascoltata, ma su quanto abbia detto ai magistrati c’è chiaramente un riserbo blindato, anche perché la Procura ha secretato l’interrogatorio. Chissà se anche stavolta la Giorgini ha “parato il culo” al fidanzato Federico, frase che emerse dall’intercettazione nella caserma dei carabinieri di Civitavecchia la notte dell’omicidio. E’ comunque facile immaginare che la ragazza possa aver ribadito la versione dei fatti già fornita in aula durante il processo in Corte d’Assisse. Anche perché da quel processo lei è l’unica delle persone presenti la notte in cui venne ucciso Marco Vannini ad esserne uscita assolta. Questo, peraltro, il motivo per cui la Procura l’ha potuta nuovamente interrogare, cosa che non potrà fare con tutti i componenti della famiglia Ciontoli, in quanto il loro giudizio è ancora pendente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui