Celebrato ieri, 6 giugno, a piazza del Plebiscito, il 208esimo annuale dell’Arma dei Carabinieri

119

Viterbo – È stato celebrato ieri, 6 giugno, il 208esimo annuale dell’Arma dei Carabinieri, in un luogo simbolo di Viterbo: piazza del Plebiscito, il centro politico e amministrativo della città, ove trovano sede il palazzo dei Priori, sede del Comune, il Palazzo del Podestà, il Palazzo Territoriale del Governo, sede della Prefettura e la chiesa di Sant’Angelo in Spatha. Un luogo storico, politico, religioso, cuore pulsante di Viterbo. A dominare la piazza la torre dell’Orologio a indicare il tempo che passa e la nostra storia che si lega anche a quella dei Carabinieri.
Le vicende dell’Arma dei Carabinieri si fondono con quelle della città e del nostro Paese.

Nel giorno della festa dell’Arma, in coerenza con il motto che contraddistingue i carabinieri, si rinnovano dunque i sentimenti di fedeltà alle istituzioni della Repubblica e ai suoi valori. La comunità viterbese e nazionale si stringe intorno ad essi, che ne rappresentano uno dei volti. Un volto fatto da tante persone diverse, con differenti caratteri e competenze, ma unite dai valori di lealtà, fedeltà, vicinanza ai bisognosi, spirito di sacrificio.

Il prefetto di Viterbo Antonio Cananà e il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Viterbo col. Andrea Antonazzo

La storia dell’Arma è storia di libertà, costruita nel tempo con grandi eroismi, volontà, altruismo e quotidiani sacrifici. Valori di ogni tempo, da trasmettere alle nuove generazioni. Per questo, nell’epoca della globalizzazione, in cui la sicurezza del Paese non può essere disgiunta dall’esigenza mondiale di pace, l’azione dell’Arma travalica i confini cittadini e nazionali e rivolge il proprio modello di umanità e fermezza anche a favore di popolazioni bisognose di stabilità.

La tradizione procede e si rinnova, connotata da un tratto essenziale: la presenza fra la gente di qualsiasi nazione, razza e religione.

“Crediamo nel bene comune e lo ribadiamo ogni giorno con il nostro impegno al servizio dei cittadini”. Così il Comandante Provinciale di Viterbo col.Andrea Antonazzo ha ribadito durante la celebrazione del 208esimo anniversario dell’Arma dei carabinieri, che nacque il 5 giugno 1814.

Ha poi aggiunto: “Il bene comune si raggiunge attraverso la legalità, che va insegnata a partire dalle scuole. Per questo, solo nel 2021 abbiamo realizzato 80 conferenze negli istituti comprensivi e superiori della Tuscia, perchè i giovani sono la chiave di lettura del nostro futuro”.
Il passato, il presente e il futuro si fondono in ciò che i Carabinieri rappresentano per la nazione.

L’Arma dei Carabinieri, infatti, quale forza militare di polizia a competenza generale e in servizio permanente di pubblica sicurezza, veglia al mantenimento dell’ordine pubblico, alla sicurezza dei cittadini, alla loro incolumità e alla tutela della proprietà, partecipa alle operazioni militari all’estero per il mantenimento ed il ristabilimento della pace e della sicurezza internazionale. Una vigilanza attiva, non interrotta, e l’azione preventiva e repressiva costituiscono l’essenza della missione dei Carabinieri.

Presenti in piazza del Plebiscito tutte le più alte autorità militari, civili e religiose. Presenti, fra gli altri, il prefetto di Viterbo Antonio Cananà, il presidente della provincia Alessandro Romoli, il senatore Umberto Fusco, il procuratore capo Paolo Auriemma, il presidente del tribunale Eugenio Turco, il questore dott. Giancarlo Sant’Elia, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza Andrea Pecorari, il Comandante della Polizia Locale di Viterbo dott. Mauro Vinciotti e il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco ing. Franco Feliziani, il rettore dell’Unitus Stefano Ubertini, suor Francesca del Monastero di Santa Rosa, il presidente del Sodalizio dei Facchini Massimo Mecarini e dell’Avis Luigi Ottavio Mechelli, il Comandante della Scuola Sottufficiali dell’Esercito gen. Alberto Vezzoli, il coordinatore provinciale dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Viterbo Cap. Salvatore Rubuano, il presidente dell’ANC sez. Maresciallo Pietro Cuzzoli di Viterbo
Bernardino Colageo, che ha curato la mostra di divise e cimeli storici, ufficiali e sottufficiali in servizio e in congedo dell’Arma. C’è la gente di Viterbo unita in un simbolico abbraccio ai Carabinieri e ci sono le famiglie dei militari, che condividono valori e senso di appartenenza. Ci sono in piazza le automobili storiche dei Carabinieri, i vari reparti, rappresentanti dell’ANC e delle Benemerite. Emozionanti i ricordi del gen. Eramo e la commozione del cap. Rubuano, vedendo la macchina storica simile a quella in cui morì il padre Antonino nel 1980, all’inseguimento dei brigatisti che avevano assassinato il maresciallo Pietro Cuzzoli e Ippolito Cortellessa.
La storia dell’Arma è fatta anche di questo: onore per i Caduti e senso del dovere fino all’estremo sacrificio.

Nel 208° anniversario della fondazione dell’Arma dei Carabinieri, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inviato un messaggio al comandante generale, Teo Luzi, per esprimere «i sentimenti di riconoscenza della Repubblica per il servizio prestato nella tutela dei diritti dei cittadini. Un impegno che si proietta sulla scena internazionale in tante meritorie attività di cooperazione che vanno dalle operazioni di mantenimento della pace e della sicurezza nelle aree di crisi, all’addestramento delle forze di polizia locali, concretizzando l’affermazione dei valori iscritti nella Costituzione». Durante la cerimonia, viene letto il significativo messaggio del Capo dello Stato, che rivolge anche un «commosso pensiero» a tutti i carabinieri «caduti nell’adempimento del dovere e a quelli feriti nell’esercizio della loro attività, in particolare la figura del carabiniere Vittorio Iacovacci, ucciso in Congo, assieme all’ambasciatore Luca Attanasio, nel corso di una missione a sostegno di un progetto umanitario, e alla cui memoria è stata conferita la Medaglia d’Oro al Valor Militare».

“La capacità di ascolto sul territorio, missione specifica dell’Arma, supportata utilmente da iniziative di rigorosa formazione, trova espressione anche sul terreno delle sfide delle specializzazioni che hanno arricchito nel tempo le professionalità dei carabinieri. La Medaglia d’oro al merito civile assegnata alla Bandiera di Guerra, per le azioni sviluppate a tutela dell’ambiente, degli ecosistemi e della biodiversità, ne è testimonianza.”
Secondo il ministro della Difesa, Lorenzo Guerrini «l’Arma, con l’eroismo dei suoi militari, è stata tra gli attori protagonisti del percorso risorgimentale sino all’Unità d’Italia, contribuendo poi in modo determinante all’evoluzione della società moderna, al passo con le sue trasformazioni. Le sue innate capacità di adattarsi ai tempi, pur rimanendo salda nelle sue tradizioni secolari, e di rispondere ai bisogni primari dei cittadini e agli interessi vitali della collettività, hanno reso l’Arma un simbolo culturale e istituzionale al servizio del Paese. Questo è il motivo principale dell’affetto che gli italiani da sempre Le riservano».

“Prevenire i reati – ha sottolineato Antonazzo – è il nostro principale obiettivo.” Poi continua:”Abbiamo intensificato il lavoro sulla violenza di genere, contando sulla legge del 2019 che ha istituito il codice rosso evidenziando le capacità di ascolto delle nostre stazioni. E l’attenzione alle esigenze delle vittime la tutela è una priorità. Così come prioritario è il riserbo sulla loro identità e la loro vicenda. Il tutto in collaborazione con i centri antiviolenza, a partire dal centro Penelope. Nel 2021 i casi di codice rosso nella Tuscia sono stati 342”.

Si è proceduto poi alla consegna delle onorificenze ai carabinieri che si sono particolarmente distinti durante il loro servizio: Marcello Egidio, Pasqualina Frisio, Enrico Ferretti e Maurizio Valeriani, Graziano Sanpalmieri, Giuseppe Mancuso, Luca Filodelfi, Alessandro Zomparelli e Andrea Alberti.


Perfetto ed estremamente emozionante il picchetto comandato dal capitano Felice Bucalo; commovente la preghiera del Carabiniere dedicata alla Virgo Fidelis.

Ecco il discorso pronunciato del Comandante Provinciale dei Carabinieri  di Viterbo col. Andrea Antonazzo

A nome dei circa 700 Carabinieri della Provincia di Viterbo, la cui voce oggi ho il compito di trasmettere, porgo a tutti un sentito e caloroso benvenuto alla cerimonia che segna il 208° anniversario dell’Arma dei Carabinieri.

Rivolgo innanzitutto un ringraziamento al signor Prefetto, il dott. Antonio Cananà, che ha appena passato in rassegna il reparto schierato e a S.E. il Vescovo Lino Fumagalli. Siamo onorati di poter contare sulla vicinanza del rappresentante del Governo e della chiesa cattolica, cui siamo legati da solide radici culturali poderosamente ancorate a questo territorio e a questa gente.

Al Commissario Prefettizio al Comune di Viterbo, il prefetto Antonella Scolamiero rivolgiamo un grato saluto per averci concesso per la nostra cerimonia questa splendida piazza, centro della città e ricercata cornice istituzionale – all’ombra di Prefettura e Comune. Una ideale centralità dei cittadini sottolineata dalla presenza dei sindaci nei cui Comuni hanno sede le 5 Compagnie

Carabinieri del Territorio, Civita Castellana, Montefiascone, Ronciglione e Tuscania, oltre a Viterbo.

Saluto i nostri rappresentati in Parlamento, il che oggi testimoniano, con la loro presenza, l’attenzione al territorio al quale apparteniamo.

Salutiamo i colleghi delle altre Forze di Polizia, il Questore, dott. Giancarlo Sant’Elia, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, Col. Andrea Pecorari, il Comandante della Polizia Locale di Viterbo, il dott. Mauro Vinciotti e il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, l’ing. Franco Feliziani che ci ha dato l’opportunità di assistere al bellissimo raduno nazionale appena conclusosi. Da oltre quarant’anni il modello di coordinamento è la casa comune che, sotto la guida del prefetto, rende le Forze di Polizia interpreti sul territorio dell’indirizzo del Ministro dell’Interno.

Un saluto militare lo rivolgiamo ai colleghi delle altre forze armate, i Comandanti dell’Aviazione e della Scuola Sottufficiali dell’Esercito, i Gen.D. Andrea Di Stasio e Alberto Vezzoli, forza armata cui ci sentiamo fieramente e geneticamente legati, e al comandante della Scuola Marescialli dell’Aeronautica Militare, Col. Sandro Cascino. Ringraziamo inoltre il Gen.D. Di Stasio anche per il supporto, non scontato, che ci ha permesso di organizzare questa cerimonia.

La nostra storia quotidiana, ma anche la presenza in un angolo di questa piazza dell’Autoemoteca e dell’Ambulanza, è il motivo per cui, nel ringraziare i presidenti provinciali dell’Avis e della Croce Rossa Italiana, vogliamo esprimere vicinanza a tutto il mondo del volontariato, al quale facciamo spesso ricorso e a cui ci lega la comune, sentita, attenzione alle esigenze del cittadino e al bene comune.

Salutiamo la Dottoressa Daniela Donetti, direttore generale dell’Azienda Sanitaria di Viterbo, una voce amica alla quale ci rivolgiamo con insospettabile frequenza per risolvere i problemi sanitari che affliggono, sia i cittadini che a noi si rivolgono, sia, talvolta, il nostro personale.

A suor Francesca e alle sorelle alcantarine rivolgiamo un pensiero affettuoso e, per loro tramite, una preghiera vogliamo rivolgerla a Santa Rosa, proprio a lei tutti facciamo affidamento per tornare, finalmente, a celebrarla solennemente a settembre.

Lo sguardo è rivolto al futuro nel ringraziare i colleghi in congedo e i simpatizzanti dell’Associazione Nazionale Carabinieri e dell’Associazione Nazionale Forestali. Oggi ci troviamo su un sentiero che loro hanno già calpestato, sulla loro esperienza facciamo affidamento.

Un saluto lo indirizzo, riconoscente, alle famiglie dei militari – alle nostre famiglie – che ogni giorno ci ricordano lo scopo del nostro impegno e danno un senso intimo e rassicurante al concetto di bene comune. Un abbraccio, ancor più sentito, lo devo inoltre alle famiglie dei colleghi che oggi non sono qui con noi a festeggiare, perché non ci sono più, e all’Opera Nazionale di Assistenza per gli orfani dei Militari dell’Arma dei Carabinieri, prezioso scrigno di solidarietà diffusa che si prende amorevolmente cura di chi ha perso un genitore con gli alamari. Vi chiediamo, nel modo migliore che noi militari conosciamo, un momento solenne per ricordarli tutti con le note del “Silenzio”.

Il lungo elenco di saluti, non completo e mi scuso per quanti non ho citato per mera scarsità di tempo, ma non certamente per minore attenzione, sottolinea la bella sinergia che nella nostra Provincia esiste tra le Istituzioni, testimoniata dalla capacità di relazionarsi reciprocamente in modo efficace, competente e sempre orientato al bene comune.

Decisamente un valore aggiunto per i cittadini.

 

Nel salutare il Presidente del Tribunale, il dott. Eugenio Maria Turco, e il Procuratore della Repubblica di Viterbo, il dott. Paolo Auriemma, sotto la cui guida umana e professionale sono stati condotti sforzi coordinati ed efficaci nelle indagini di Polizia Giudiziaria, colgo l’occasione per ricordare, tra le molte attività:

−  quella che nell’estate del 2019 ha consentito l’arresto di un sodalizio di cittadini cileni, gravitanti ad Ostia, che avevano consumato, a Viterbo, Civita Castellana, Blera e Vetralla, una rapina e diversi furti in abitazione;

−  le attività che hanno consentito di far luce sulla rapina consumata, nel luglio 2020, nell’abitazione di un’anziana donna alla quale era stata sottratta una rilevante somma di denaro;

−  quelle conclusesi con l’arresto di due persone residenti nella provincia di Roma che, nella prima metà del 2021, avevano commesso una rapina e una serie di furti in diverse abitazioni del viterbese e della capitale;

• −  quella che ha portato all’arresto delle sette persone autrici della rapina perpetrata nel novembre del 2020 all’ufficio postale di Canino. Si tratta di un’attività d’indagine condotta in perfetta sinergia con la Polizia Stradale di Viterbo;

5

− la recente individuazione, in collaborazione con la Polizia Penitenzia di Viterbo, di alcuni degli autori dell’assalto armato al portavalori compiuto nel 2016, quando venne asportato un bottino di oltre un milione di euro.

Il numero complessivo dei delitti per i quali procede l’Arma, pari all’84% di quelli denunciati, è stato nel 2021 inferiore a quello del 2019, ultimo anno pre-pandemico, a testimoniare una sempre migliore vivibilità del nostro territorio.

Ciononostante, prevenire i reati prima che essi siano commessi, rimane il nostro principale obiettivo. Lo dobbiamo ai cittadini quale nostro qualificato contributo al bene comune.

La scarsa dimestichezza degli utenti del WEB che hanno mosso, solo nell’ultimo periodo, i loro primi passi nel mondo virtuale è alla base un’attenzione particolare avendo registrato, nell’ultimo biennio, un aumento delle frodi informatiche. Per questo abbiamo iniziato a “pattugliare” anche la rete con strumenti e capacità nuove alle quali il nostro personale viene progressivamente specializzato.

Soprattutto è particolare la nostra cura nel tutelare le vittime di un’altra – più subdola ed inaccettabile – forma di violenza, quella di genere. Abbiamo potuto contare, negli ultimi 3 anni, sulla nuova normativa, la L. 19 luglio 2019, n. 69, che ha istituito il cd.

“Codice Rosso”, che ci ha fornito strumenti più moderni ed efficaci da affiancare alla capacità di ascolto – rassicurante e professionale – delle 56 Stazioni dei Carabinieri della nostra Provincia, supportate,in questo delicato settore, dai militari specializzati del Nucleo Investigativo facenti parte della Rete nazionale di monitoraggio per la violenza di genere. Proprio in questo ambito, come dicevo, siamo da tempo attenti alle esigenze delle vittime, la tutela delle quali è una priorità, cui sono da ricondurre la garanzia del massimo riserbo sulle questioni trattate – mai oggetto di comunicati stampa – e la fruttuosa collaborazione con:

• −  il centro antiviolenza “Penelope” di Viterbo;

• −  l’associazione “Soroptimist International” che, recentemente,

continuando nel solco della collaborazione con l’Arma, ha potenziato la dotazione tecnologica della “stanza tutta per sé” presente presso il Comando Provinciale di Viterbo e destinata all’audizione protetta delle vittime vulnerabili;

• −  lo “Sportello vittime di Reato” che ha sede presso la Provincia;

• −  l’associazione “Spazio Supporto Donna” di Oriolo Romano e

• −  l’ASL di Viterbo, con la quale, è stato recentemente sottoscritto

un protocollo d’intesa interistituzionale per la realizzazione di azioni condivise a tutela delle vittime.

Solo nel 2021 i casi di codice rosso che abbiamo perseguito sono stati 342, tra questi ricordo il caso di una giovanissima ragazza straniera venduta ad un sodalizio, dedito tra l’altro allo spaccio di stupefacenti, che l’ha avviata alla prostituzione nella periferia romana, unico luogo che alla ragazza era consentito frequentare.

L’attenzione dell’Arma per le fasce deboli non si esaurisce nell’ambito della violenza di genere, rivolgiamo il nostro impegno istituzionale anche verso i soggetti che vengono sistematicamente sfruttati e che spesso, per le loro vicissitudini personali, vivono ai margini della società. Mi riferisco al contrasto al deprecabile fenomeno del caporalato e dello sfruttamento dei lavoratori. Il Comando Provinciale, con il supporto specialistico dei Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro e della Direzione Territoriale del Lavoro di Viterbo, lo ha posto, da tempo, tra i prioritari obiettivi da perseguire. Grazie anche a strumenti normativi innovativi, lo scorso anno, nell’ambito di un’indagine svolta da reparti dipendenti e dal N.I.L. a seguito del rinvenimento del cadavere di operaio straniero, oltre ad eseguire su delega dell’A.G. un provvedimento restrittivo nei confronti dei titolari di un gruppo di aziende dedite nella pastorizia, è stato applicato, per la prima volta a Viterbo, in luogo di un sequestro che avrebbe compromesso l’attività imprenditoriale, l’istituto del “controllo giudiziario” delle aziende che, secondo l’ipotesi investigativa, occupavano alle proprie dipendenze numerosi stranieri in condizioni di grave sfruttamento. Il “controllo giudiziario” ha perseguito il duplice obiettivo di eliminare la situazione di irregolarità delle condizioni lavorative degli operai e di mantenere inalterati i livelli occupazioni ed il valore economico del complesso aziendale.

Il lavoro oggetto di attenzioni da parte dell’Arma sotto molti punti di vista. Infatti, la crescente incidenza del fenomeno degli infortuni sul lavoro, che non ha risparmiato la nostra Provincia, ha reso necessario intensificare le attività di verifica delle misure di sicurezza negli ambienti di lavoro, con particolare riferimento ai cantieri edili, tenuto conto anche dell’incremento delle attività nel settore che beneficia di misure governative di sostegno. In tale quadro, il Comando Generale dell’Arma, fin dallo scorso anno, ha disposto una mirata campagna di controlli svolti attraverso squadre congiunte composte da militari delle Stazioni Carabinieri, dei Nuclei Ispettorato del Lavoro, supportati dagli ispettori della Direzione Territoriale del Lavoro di Viterbo, e dalle Stazioni Carabinieri Forestali. I controlli, svolti in maniera sistematica sul territorio provinciale, perseguono anche la finalità di tutela ambientale, attraverso accertamenti sulla filiera dello smaltimento dei rifiuti prodotti, e di approfondimento informativo sugli operatori economici impegnati nella realizzazione dei lavori per verificare eventuali infiltrazioni criminali.

Su quest’ultimo punto volevo soffermarmi. Il nostro territorio, la Tuscia, ha attirato in passato le attenzioni della criminalità organizzata, motivo per il quale l’Arma è sempre vigile, pronta ad intercettare ogni possibile tentativo di infiltrazione e all’occorrenza intervenire in maniera risolutiva, attitudinetestimoniata, tra l’altro, dell’arresto di quattro stranieri, operato alla fine del 2019 a Tuscania, che, agendo anche in nome e per conto di alcuni soggetti facenti capo ad un’associazione mafiosa autoctona – ma con collegamenti con la ‘ndrangheta – avevano tentato di estorcere denaro a un ristoratore del posto.

L’impegno operativo delle Stazioni Carabinieri e del N.I.L. è statocaratterizzato, nel 2021, anche dalla verifica della posizione di 1.055 percettori del Reddito di Cittadinanza; di questi, 239 sono state deferiti all’A.G. per indebita percezione del beneficio, per ammontare di redditi illegalmente percepiti pari a 1.513.000 euro.

Dal 2017, grazie ai colleghi della forestale, siamo anche la più grande polizia ambientale d’Europa. Il nostro territorio, fatto di colture di pregio e prodotti riconosciuti quali eccellenze, è fragile ed ha bisogno di grande attenzione. All’azione della specialità, fortemente radicata sul territorio tramite il Gruppo che conta 13

Stazioni Carabinieri Forestali, deve affiancarsi – ed è un auspicio – una sensibilità crescente da parte dei cittadini chiamati ad adottare comportamenti rispettosi e responsabili.

Oltre ai Forestali e al Nucleo Tutela del Lavoro, a Viterbo, è presente il NAS – Nucleo Antisofisticazioni e Sanità – cui è affidato il non facile compito di vigilare sulla salute pubblica, impegno che ha assunto ancor maggiore rilievo durante il lungo periodo di limitazioni imposte dalle autorità governative per il contenimento della pandemia, e che nel dispositivo provinciale dell’Arma dei Carabinieri rappresenta un’eccellenza orientata alla tutela di una particolare forma di bene comune: la salute appunto.

Siamo consapevoli tuttavia che l’ambizioso obiettivo del bene comune si raggiunge solo appagando il grande bisogno di legalità che ci giunge dai cittadini, tema che riveste un ruolo centrale nell’interazione dell’Arma dei Carabinieri con i giovani, specialmente nell’ambito scolastico. Quest’anno, grazie:

• −  al protocollo di intesa con il Ministero dell’Istruzione nell’ambito del quale è stata realizzata la campagna sulla cultura della legalità,

• −  alla campagna promossa dall’ASL di Viterbo #LOTTOcontrolaviolenza

− ma soprattutto grazie alla collaborazione dei presidi del territorio – e ringrazio quelli che hanno voluto intervenire oggi – e alla Camera Civile con il suo presidente avv. Rosita Ponticiello cui ci accomuna una perfetta sintonia d’intenti –

abbiamo realizzato oltre 80 conferenze negli Istituti Comprensivi e nelle Scuole Superiori della Provincia, convinti che per “fare la nostra parte” sia indispensabile trovare le parole giuste per convincere i più giovani, vere risorse a garanzia – e chiave di lettura – del nostro futuro.

Alle conferenze abbiamo inteso affiancare la presenza dei comandanti delle compagnie e delle stazioni nelle parrocchie, con il contributo delle diocesi di Viterbo, Civita Castellana, Civitavecchia e Orvieto, e nei luoghi di aggregazione questa volta degli anziani, nel corso dei quali abbiamo risposto alle domande di chi è più avanti con l’età, fornendo loro suggerimenti estrumenti per contrastare i comportamenti truffaldini ai loro danni. Siamo convinti che prendendoci cura di loro assolviamo il nostro debito generazionale con un piccolo contributo alla tutela del bene comune.

Concludo.

I Carabinieri, noi, lo ricordo, abbiam giurato di essere fedeli alla Repubblica Italiana, di osservarne la Costituzione e le leggi, dando l’esempio, e di adempiere con disciplina ed onore tutti i doveri del nostro stato, per la tutela della Patria e la salvaguardia delle istituzioni.

E ci crediamo.

Crediamo nella fedeltà e nel rispetto che siamo convinti di dover garantire a tutti i cittadini, ad iniziare dai più deboli ed indifesi. Crediamo nel bene comune, quel bene comune che oggi ho volutamente citato in più circostanze. E oggi siamo qui in piazza perché vogliamo ribadire il nostro impegno per garantirlo, il bene comune, con abnegazione e coerenza, e non solo a parole.

Viva l’Arma dei Carabinieri, viva l’Italia.

Andrea Antonazzo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui