Lega, Forza Italia e Fondazione proseguono intanto singolarmente a dialogare con le altre forze in campo

Centrodestra, si tentano le ultime mediazioni prima del ‘liberi tutti’

86

Puntare su una donna come candidata sindaco unitario.

Sarebbe l’ultimo rumors – in ordine cronologico – che circola sul centrodestra.

Un’ipotesi, forse un tentativo estremo prima di affrontare in ordine sparso la competizione del 12 giugno.

Cercare di individuare un nome terzo rispetto a quelli attualmente in capo alle tre forze per tentare di convergere su un unico/a candidato/a.

A due settimane dalla scadenza per la presentazione delle liste, Lega, Forza Italia e Fondazione restano ancora ‘incartati’ in meccanismi e dinamiche che avrebbero dovuto trovare soluzione da tempo.

Ma una decisione, volenti o nolenti, devono pur prenderla: o liberi tutti o uno/una per tutti.

Il traccheggio continuo e prolungato, oltre a risultare esasperante per i cittadini-elettori, può essere percepito come una dimostrazione di debolezza.

Entro il 12 maggio le liste vanno presentate. Ma, mentre altri sono già pienamente in campagna elettorale illustrando alla città e ai viterbesi temi e contenuti dei rispettivi programmi elettorali, Lega, Forza Italia e Fondazione continuano a girare in tondo su loro stessi.

Alle prese con scelte da assumere a livello locale, tenendo però nella massima considerazione che non devono confliggere con le indicazioni che vengono dal nazionale.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui