Il centrosinistra punta a governare accusando gli avversari di essere troppo litigiosi ma perde i pezzi ancora prima di cominciare la campagna elettorale

Civita Castellana, il centrosinistra si spacca ancor prima di iniziare: Italia Viva presenterà un proprio candidato sindaco

273
Appena l’ormai ex sindaco leghista Caprioli si dimise il centrosinistra iniziò a puntare sul fatto che il centrodestra fosse impossibilitato a garantire una buona governabilità poichè tra Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia i litigi erano all’ordine del giorno. Per carità, queste affermazioni avevano certamente un fondamento di verità, ma se poi la tua coalizione si spacca ancor prima di cominciare la campagna elettorale tali affermazioni perdono credibilità.
E così, dopo la scelta del Pd e delle sue liste satellite di scegliere come candidato sindaco un “dinosauro” della politica provinciale come Domenico Cancilla (assessore alla cultura durante l’ormai remotissima amministrazione Santini risalente agli anni ’90) a discapito di un fresco e promettente giovane come l’ex segretario Simone Brunelli, il centrosinistra civitonico si è spaccato. La “colpa” è del gruppo di Italia Viva, che dice di non essere stato coinvolto e quindi ha fatto sapere stamattina di presentare un proprio candidato a sindaco.
Nella nota divulgata stamattina, i renziani affermano di volersi staccare vista la troppa individualità del Partito Democratico, non intenzionato a voler dare spazio all’ala moderata del centrosinistra civitonico, rappresentata proprio da Italia Viva.
“Prendiamo atto – si legge nella nota – che il PD a Civita Castellana ha individuato il proprio candidato sindaco. Questa scelta, che noi rispettiamo, ci porta necessariamente ad esprimere forti perplessità sulle modalità in cui è avvenuta”.
“Italia viva, realtà presente sul territorio comunale, alleata del PD sia al governo nazionale che regionale, non è stata coinvolta né sulla scelta del nome ne tanto meno sul profilo programmatico a sostegno di questa candidatura.
Dobbiamo quindi ritenere che a civita castellana il pd non persegua l’idea di un campo largo di centro sinistra, ma scelga in modo miope di escludere le molte sensibilità moderata che italia viva rappresenta”.
Poi l’annuncio: “Siccome siamo convinti che a Civita Castellana come in Italia, la buona politica parta dalle idee, dai programmi concreti e da il coinvolgimento di tutti, Italia Viva proseguirà per la propria strada proponendo un programma ed un candidato che possa rappresentare al meglio la nostra comunità”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui