Al Salone mondiale del turismo a Padova anche patrimoni già certificati come la Macchina di Santa Rosa

Civita di Bagnoregio e Via Francigena tra le candidature Unesco presenti al WTE

217
Civita-di-Bagnoregio

La Regione Lazio, anche quest’anno, partecipa con un proprio stand al WTE (World Tourism Expo), Salone Mondiale del Turismo che si svolgerà a Padova, nella prestigiosa sede storica del Palazzo della Ragione, dal 23 al 25 settembre 2021.

Nella XII edizione consecutiva del WTE, appuntamento che ha guadagnato nel tempo una posizione importante nel calendario degli eventi italiani per la valorizzazione del patrimonio culturale in chiave di sviluppo turistico, il Lazio vuole sorprendere non solo con i suoi siti UNESCO, ma anche con le Candidature nella Tentative list Italiana.

L’appuntamento dedicato all’approfondimento dei siti della Regione Lazio, dal titolo “Materiale, immateriale e naturale: il Lazio e la varietà del suo patrimonio UNESCO” si terrà nella Sala Cavallo, il 24 settembre alle 15, alla presenza dell’assessore al Turismo Valentina Corrado, del Direttore Parco Regionale Bracciano – Martignano Daniele Badaloni, del Direttore dell’Istituto autonomo Villa Adriana e Villa D’Este di Tivoli Andrea Bruciati, del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Unindustria di Viterbo Alessandra Sensi e, in rappresentanza del Gruppo Archeologico Romano, Sara Mancini. Modererà l’incontro il Direttore scientifico del WTE, Robert Piattelli.

“La Regione Lazio – dichiara l’assessore al Turismo ed Enti locali, Valentina Corrado – è protagonista al World Tourism Event con tutti i luoghi riconosciuti e apprezzati come patrimonio dell’Umanità Unesco, Villa d’Este, Villa Adriana, le Necropoli Etrusche di Cerveteri e Tarquinia, le faggete vetuste dei Monti Cimini e Raschio, il Centro Storico di Roma, i patrimoni immateriali della Macchina di Santa Rosa e della transumanza. Saremo presenti con le nuove candidature nella Lista Propositiva italiana, (Tentative list): Civita di Bagnoregio e il suo paesaggio culturale, la Via Francigena e i Monasteri Benedettini del Lazio. Siamo una Regione con una concentrazione unica di siti Unesco e lavoriamo per farli risplendere tutti. La bellezza e varietà del nostro patrimonio storico, artistico e naturalistico è la ricchezza del Lazio e stiamo investendo con misure mirate e una promozione turistica che parte dal coinvolgimento dei territori”.

Redazione

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui