Civitavecchia, approvato bilancio consuntivo; Tuoro: “Soddisfatta ma ancora molto da fare”

509
Consiglio Civitavecchia

Oggi concludo il lavoro iniziato cinque anni fa. Lo concludo con un misto di soddisfazione, pensando a quanto realizzato, di rimpianto per quello che ancora è necessario fare ma anche con tanta emozione, e con l’orgoglio di aver potuto servire la nostra città”. Con queste parole l’assessore al bilancio del Comune di Civitavecchia, Florinda Tuoro, si congeda dall’amministrazione comunale, dopo il consiglio sull’approvazione del bilancio consuntivo.

“Un grande onore davvero. Rimane ancora molto da fare, perché il Comune è e rimarrà sempre un cantiere aperto, dinanzi al quale nessuno può dire di aver finito”. Poi l’assessore entra nel merito del documento programmatico approvato dalla massima assise cittadina. “L’approvazione del Bilancio Consuntivo 2018 quest’anno coincide con la chiusura del nostro mandato elettorale. Questo ci consente di fare un Bilancio complessivo e un riepilogo delle tante attività fatte in questo quinquennio. Ciò che ci ha distinto e ci caratterizza è sicuramente l’aver portato un modo   nuovo di amministrare, incentrato sulla legalità e sulla correttezza, privilegiando sempre l’interesse collettivo e mai un interesse personale. Modo nuovo da cui non si può e non si dovrà mai tornare indietro. L’annualità 2018, per il Bilancio, pur nella sua criticità, è stata, rispetto a quelle precedenti, sicuramente la migliore – spiega ancora – perché ci ha consentito un maggior margine di spesa che abbiamo cercato di mettere a frutto nel miglior modo possibile. Dal 2015 il rendiconto, a causa del cambiamento del sistema contabile, chiude in disavanzo straordinario. Dai circa 39 milioni di euro del 2015, da ripianare in 30 anni con una quota almeno pari a 1,3 milioni all’anno, siamo scesi nel 2018 ad un disavanzo di 30.342.245,75. Questo significa che dal 2015 al 2018 siamo riusciti a migliorare il disavanzo più della quota spettante abbassando così da 26 anni a 23 il periodo di ripiano. Se guardiamo la sola gestione 2018 – conclude l’assessore Tuoro – il bilancio di competenza è in equilibrio: le entrate accertate relative ai primi tre titoli (entrate correnti) sono pari a 76.017.876,34 euro, mentre le spese impegnate al titolo I° (spese correnti) sono pari ad 68.034.672,47 euro, la differenza non è spendibile per le quote obbligatorie da accantonare a fondo crediti”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui