Interessa i produttori e chi utilizza imballaggi per la commercializzazione

CNA Sostenibile: “Il 1° gennaio 2022 scatta l’obbligo dell’etichettatura ambientale di tutti gli imballaggi”

133

Il 1° gennaio 2022 scatta l’obbligo dell’etichettatura ambientale ovvero di etichettare tutti gli imballaggi per facilitarne la raccolta, il riutilizzo, il recupero e il riciclo e per fornire ai consumatori le informazioni sulle destinazioni finali. A darne notizia, è CNA Sostenibile, pronta a rispondere ai quesiti delle imprese e ad assicurare assistenza per l’applicazione della norma, che interessa sia i produttori e gli importatori sia coloro che utilizzano imballaggi per la commercializzazione delle merci. Insomma, una platea ampia.

Il produttore – spiega CNA Sostenibile – è tenuto a indicare, per ciascun imballaggio, la tipologia, la natura e i codici del materiale di cui è composto, nonché la corretta destinazione finale, quindi come esso debba essere smaltito e in quale raccolta debba essere conferito.

L’etichetta ambientale deve essere fornita per tutte le parti separabili manualmente dell’imballaggio: le informazioni potranno essere riportate o sulle singole componenti oppure tutte sul corpo principale. Sono consentiti anche strumenti alternativi alla stampa sugli imballi; per esempio, le informazioni possono essere fornite in forma digitale.

Sono previste sanzioni amministrative (da 5.200 a 40mila euro) per qualsiasi soggetto della filiera immetta sul mercato interno imballaggi privi dei requisiti stabiliti.

Resta la possibilità, per gli operatori del settore, di commercializzare i prodotti privi dei nuovi requisiti di etichettatura ambientale, se immessi in commercio al 31 dicembre 2021, fino all’esaurimento delle scorte.

Ricordiamo che il Testo Unico Ambientale vigente definisce “imballaggio” “il prodotto, composto di materiali di qualsiasi natura, adibito a contenere determinate merci, dalle materie prime ai prodotti finiti, a proteggerle, a consentire la loro manipolazione e la loro consegna dal produttore al consumatore o all’utilizzatore, ad assicurare la loro presentazione, nonché gli articoli a perdere usati allo stesso scopo”.

Per gli approfondimenti, ci si può rivolgere agli esperti di CNA Sostenibile (a Viterbo, in via dell’Industria snc – località Poggino): Marina Maggini (telefono 0761.1768309 – marinamaggini@cnasostenibile.it) e Monia Rizzo (0761.1768307 – ambiente@cnasostenibile.it).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui