Il rettore Ubertini: "Riconoscimento per l'intero Ateneo"

Completato il restauro del centro direzionale dell’azienda agraria dell’Unitus

70

Si è conclusa la ristrutturazione del casale del centro direzionale dell’Azienda Agraria dell’Università della Tuscia di circa 200 metri quadrati attrezzati e destinai a varie attività. La riqualificazione anche esterna del centro completa gli interventi già effettuati internamente con la ristrutturazione dell’aula didattica e l’allestimento di un sistema per videoconferenze.

“E’ un passo importante verso l’intera riqualificazione delle strutture interne all’Azienda Agraria- ha specificato il direttore professor Giuseppe Colla- molte delle quali hanno già avuto interventi di riguardo. L’attività che svolgiamo all’interno di questa particolare struttura universitaria è rivolta alla ricerca e alla didattica. Ma in questa struttura non si fa solo questo ma si svolgono anche attività di interazione con soggetti pubblici e privati finalizzate a promuovere lo sviluppo economico e sociale del territorio. Ad esempio è in corso una collaborazione con il Tribunale di Viterbo per attività di formazione rivolta a detenuti e percettori di reddito d cittadinanza”.

“La ristrutturazione del centro direzionale dell’azienda Agraria dell’UNITUS- ha specificato il rettore Stefano Ubertini- significa anche un riconoscimento dell’interesse che ha l’Ateneo verso questa realtà che da anni svolge un importante ruolo non solo per gli studenti ma anche per la collettività finalizzato anche allo sviluppo economico-sociale. L’Azienda Agraria dell’Università della Tuscia rappresenta ormai da tempo anche un sicuro punto di riferimento nel settore agro-alimentare italiano”. “Il completamento della ristrutturazione- ha evidenziato Alvaro Marucci pro-rettore dell’UNITUS che ha seguito e programmato i lavori- è un primo step al quale seguiranno altri importanti interventi. E’ in programma nei prossimi mesi infatti un più ampio e generale restauro di altri casali interni all’azienda da destinare a laboratori e uffici.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui