Comune: compensi appena aumentati ai nuovi revisori dei conti, ma è lite

266
Consiglio comunale Viterbo
Oggi si è riunita la seconda commissione consiliare per discutere le nomine dei nuovi revisori conti per il triennio 2019/2021. Lo scorso 4 febbraio erano scaduti gli incarichi dei precedenti – poi prorogati fino al 21 marzo – e la Prefettura, il 12 febbraio scorso, aveva già estratto i nomi dei revisori e delle riserve. Per i tre revisori si sono fatti i nomi di Antonio Verdone (Latina) come presidente, Pietro Brugnoli (Tivoli) e Paola Parroni (Bracciano).
Luisa Ciambella (Pd) ha chiesto chiarezza in merito alla questione dei compensi e delle coperture previste per gli incarichi, emersa durante la conferenza dei capigruppo: “Vogliamo saperne di più sul decreto del dicembre 2018 – ha detto – e sugli aumenti che prevede per i revisori dei conti”. Il documento – come specificato nel corso della riunione – stabilisce il compenso massimo di ogni componente: a quello base si aggiungono maggiorazioni correlate alle spese di funzionamento e investimento dell’ente, fino a un incremento massimo del 10%. Se per Barelli (Viva Viterbo)  “sarebbe opportuno mantenere inalterati gli emolumenti”, il consigliere Mauro Moroni (Forza Italia) ha chiesto invece di concedere ai nuovi revisori “un aumento minimo – pari all’1% – in quanto obbligatorio per legge”. A seguire, le votazioni:  con 7 voti favorevoli e 2 astenuti è stata approvata la proposta di Moroni. Il PD avrebbe voluto ridiscutere la questione nel Consiglio fissato per domani.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui