Consiglio comunale di Rieti, la minoranza di centrosinistra abbandona l’aula

393
rieti

Approvato in consiglio comunale coi voti della maggioranza e del Movimento 5 stelle l’ordine del giorno presentato da Andrea Sebastiani della Lega che chiedeva al sindaco di intervenire presso il Ministero dell’Interno per il potenziamento della polizia postale di Rieti a rischio smantellamento dallo scorso anno.

Ma la minoranza di centrosinistra non ci sta, esce dall’aula durante la votazione, e parla di strumentalizzazione attraverso la quale “si utilizza il consiglio comunale come mero strumento di propaganda”. “Questo sospirato aumento è già avvenuto – continuano i gruppi di opposizione – su sollecitazione delle precedenti amministrazioni comunale e provinciale ed il mancato ritiro dell’odg, dimostra come l’unico scopo da parte dei consiglieri della Lega fosse quello di poter rivendicare un successo su un qualcosa già avvenuto”.

A stretto giro di posta arriva la replica dell’assessore Elisa Masotti che si dichiara “imbarazzata e amareggiata ma alla fine soddisfatta”.

“Negli ultimi dieci mesi – scrive l’assessore all’Innovazione tecnologica e Digitalizzazione della P.A. – ho intrapreso un percorso di sensibilizzazione nei confronti del Governo per implementare il personale della sezione reatina della Polizia Postale, ridotto a solo 2 unità ed incapace pertanto di far fronte alla duplice azione di prevenzione e contrasto dei crimini informatici aumentati esponenzialmente negli ultimi tempi.”

“Alla nota – continua Masotti – che col sindaco abbiamo inviato congiuntamente al ministro dell’Interno Salvini per rappresentare le criticità del caso, è seguito in incontro de visu, avuto insieme al consigliere comunale Andrea Sebastiani, con il sottosegretario della Lega Tonelli che si è mostrato molto sensibile al problema di Rieti. L’ordine del giorno approvato oggi dal consiglio comunale e che la minoranza ha avuto il coraggio di osteggiare, uscendo dall’aula, servirà a chiudere il cerchio e a portare a casa il risultato sperato”.

Andrea Sebastiani, durante il suo intervento in aula, aveva precisato che era prossimo l’implemento di due agenti, che si sarebbero aggiunti a quello già presente affiancato da un ufficiale di polizia giudiziaria, e che al ministero era stata fatta richiesta di un ulteriore ufficiale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui