Continua il giallo del cinghiale trovato coi capezzoli asportati: “E’ stato un uomo”

Le analisi effettuate dai veterinari confermano che la scrofa aveva in grembo sei cuccioli e che è stata investita

427

Continua “il giallo” del cinghiale trovato sul ciglio della strada vicino l’ospedale Belcolle. Gli esami svolti sulla carcassa dell’animale hanno confermato le macabre ipotesi: i capezzoli sono stati sicuramente asportati chirurgicamente. E’ assolutamente da escludere, pertanto, che l’asportazione che sia stata provocata da animali che, secondo il parere esperto delle guardie zoofile, “avrebbero avuto parti più succulente e tenere a disposizione visto che l’animale presentava un prolasso vaginale”.

Dalle analisi veterinarie condotte dall’Istituto Zooprofilattico è emerso che la scrofa, gravida di 6 cuccioli, è stata investita da un’autovettura in quanto presentava numerose emorragie e fratture sul corpo. Quindi resta in piedi l’agghiacciante ipotesi che qualcuno sia tornato sulla carcassa dell’animale per asportarne i capezzoli.

Facendo delle ricerche abbiamo scoperto che il 13 ottobre, ossia due giorni prima del ritrovamento dell’animale, c’è stata la luna piena che, secondo i riti pagani, corrisponde alla luna del cinghiale. Anticamente venivano asportate le mammelle delle scrofe gravide come buon auspicio per la fertilità delle donne.

Sicuramente non è questo il caso, ma resta il fatto che probabilmente c’è qualcuno che si diverte a torturare animali morti nelle notti di luna piena.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui