Il caso di Giuseppe Maravigna su "Chi l'ha visto?", attivato un drone per aiutare la ricerca. Intanto i familiari stanno cercando di far andare la notizia su tutti i telegiornali

Continuano le indagini su Giuseppe Maravigna: fuggito da Villa Immacolata ormai da qualche giorno

238

Continuano le indagini di Giuseppe Maraviglia, che nonostante le continue ricerche da parte dei carabinieri, forestale e cane molecolare, ancora non è stato ritrovato. Il 71enne è originario di Tarquinia ed è fuggito dalla Rsa di Villa Immacolata nella notte tra sabato 28 novembre e domenica 29. Un paio di giorni fa è stato avvistato in zona San Martino, ma non se ne ha la certezza.

Dalle telecamere della struttura di Villa Immacolata da dove si è inizialmente allontanato, ricordiamo che indossava un maglione grigio pesante con la zip aperta, sotto a quest’ultimo un maglioncino arancione che si intravede dalle telecamere ed un pantalone nero con tre strisce bianche laterali.

Giuseppe Maraviglia è alto 168 cm, è magro e solitamente ha un passo spedito. Per aiutare i familiari nella ricerca, il caso è stato raccontato sul programma televisivo “Chi l’ha visto?”, ad informarci su questo è stata proprio la figlia Deborah, che ieri con un post su Facebook afferma: “Domani sera alle 21.30 cercherò di essere in diretta su Chi l’ha visto per lanciare un appello. Sto cercando di far andare la notizia sui telegiornali Mediaset e nazionali. Se si è spostato da qui le ricerche si devono necessariamente ampliare.”

Continua Deborah informandoci sulle ricerche: “Il cane molecolare arrivato oggi ha seguito la traccia dopo aver annusato dei suoi indumenti ed oggetti personali. Il percorso del cane sembrerebbe portare dal ritrovamento del trolley dritto fino al cimitero, dopo Villa Immacolata, sulla San Martinense. Pensiamo pertanto possa aver preso un passaggio da qualcuno. Escludiamo il poter aver preso un pullman dal momento che la domenica non passano e il lunedì dall’alba, l’unità mobile dei vigili del fuoco era posizionata di fronte il cimitero dove ancora siamo.”

Intanto i vigili del fuoco hanno attivato due droni per aiutare le ricerche in corso: il primo di dimensioni minori partirà subito mentre il secondo sarà attivato solo se ne sarà necessario.

I familiari sono molto preoccupati date le condizioni atmosferiche: il freddo, il buio e la pioggia che gravano in questi giorni sulla nostra zona, non sono certamente d’aiuto. Inoltre, l’uomo non ha con sè nessun documento con cui potersi identificare. Confidiamo nelle indagini e nel buon senso dei cittadini semmai dovessero avvistarlo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui