Soriano nel Cimino si stringe intorno alla famiglia della vittima, contagiata nella struttura dove era entrata per problemi cardiaci

Contrae il Covid durante il ricovero in clinica e muore, la figlia: “Ci siano più controlli”

153

Soriano nel Cimino in lutto per la scomparsa di una cittadina, M.P., deceduta nella giornata di ieri a causa del Covid, quando sono stati registrati anche 6 nuovi casi di positività tra la popolazione.

La donna, come fanno sapere sulla pagina Facebook ufficiale del Comune, “era ricoverata in clinica e questo maledetto virus l’ha colpita durante il ricovero – scrive l’amministrazione – alle figlie ed ai parenti tutti le più sentite condoglianze poiché oltre la disgrazia hanno dovuto sopportare l’impossibilità di avere i contatti famigliari ed umani che meritava”.

Intanto sui social è arrivato anche lo sfogo della figlia di M.P.: “Non posso fare silenzio – dichiara – visto la fine che la mia dolcissima mamma ha dovuto subire, tutti i passaggi che mamma ha fatto per uno scompenso cardiaco siano più controllati, perché morire soli, senza le figlie, i nipoti, tutti noi, non lo auguro a nessuno. Che si adotti un altro metodo per accogliere le persone che hanno bisogno di cure, mamma era negativa prima”.

Un episodio davvero spiacevole che ha colpito nel profondo l’intera comunità sorianese, oltre alla famiglia della vittima, e che costringe ad aprire una riflessione circa le modalità con cui nelle strutture sanitarie vengono fatte valere le norme per prevenire i contagi tra pazienti e personale.

La vicenda accade poi subito dopo le dichiarazioni rilasciate dal cittadino residente ad Arlena di Castro, che in data 2 dicembre aveva affermato di aver contratto il virus in ospedale “per via della negligenza sui pazienti che si sono trovati al fianco di pazienti Covid”, risultando egli stesso il primo caso positivo dopo sette giorni in cui il paese era stato dichiarato “Covid-free”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui