L'aggressione ai due giovani riaccende la polemica legata alla sicurezza

Coppia di giovani aggredita in pieno centro, ma le telecamere? Torna d’attualità il tema sicurezza

231

La sicurezza al centro storico è stato il cavallo di battaglia del periodo pre-Coronavirus, quasi tutte le forze politiche sono d’accordo ad incentivare le telecamere all’interno delle mura cittadine, ormai da tempo teatro di aggressioni, furti ed incidenti vari.

L’ultimo episodio di violenza è accaduto venerdì, quando una giovane coppia di fidanzati viterbesi è stata aggredita da un uomo armato di coltello, probabilmente in un tentativo di rapina. Nella colluttazione il giovane è riuscito a colpire al volto l’aggressore, che a sua volta lo ha ferito con una coltellata alla schiena. Per fortuna il giovane non è in pericolo di vita, ma i carabinieri giunti sul posto non sono riusciti ad arrestare il malvivente che si è dileguato non appena si è reso conto che il tentativo di furto era andato male.

Gli agenti fanno sapere che sono in corso delle indagini per analizzare i filmati delle telecamere presenti in zona, le stesse telecamere di cui si era tanto parlato prima che la pandemia fermasse la città.

Che il centro storico versi in uno stato di degrado e che sia troppo spesso teatro di episodi di microcriminalità è sotto gli occhi di tutti, chi cerca di negarlo probabilmente non vive le vie del centro quotidianamente. Basta chiedere ai commercianti ma, soprattutto, ai residenti.

Viterbo è ancora una città sicura? Per rispondere a questa domanda non bisogna lasciarsi andare nel fare considerazioni allarmistiche. La nostra città (per fortuna) non è una metropoli e, se solo si riuscisse a muoversi concretamente, attraverso un aumento delle telecamere nel centro storico si riuscirebbe ad ovviare a questa situazione che rischia di portare la città allo sbando.

C’è bisogno che il Comune ora stili un’agenda delle cose da fare al più presto, ma il tema sicurezza deve essere tra le prime faccende di cui occuparsi. Piuttosto che combattere la movida mettendo in difficoltà i gestori dei locali, servirebbe che la politica ed i cittadini capiscano quali sono le priorità del centro storico. Se vogliamo che il turismo torni ad essere il punto di forza della nostra città dobbiamo evitare ad ogni costo che ci siano zone franche per i criminali.

Vedremo se ora il sindaco Arena userà il pugno di ferro dopo l’ennesimo evento deprecabile.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui