Azione di guerriglia urbana nella notte nel centro della Capitale: bombe carta, cassonetti in fiamme e due poliziotti feriti

Coprifuoco: dopo Napoli, anche a Roma esplodono i disordini

127
Proteste a Napoli

Mentre dovrebbe arrivare per la giornata di oggi la firma del nuovo Dpcm del presidente Conte con nuove restrizioni, continuano a diffondersi manifestazioni di protesta in tutta Italia.

Dopo i fatti di Napoli della notte tra il 23 e il 24 ottobre, a Roma decine di manifestanti sono scesi in piazza del Popolo, poco dopo la mezzanotte di ieri sera, per opporre un fermo “no” alle misure imposte dal governo per contenere i contagi da Coronavirus.

Il corteo, organizzato da rappresentanti dell’estrema destra, era partito allo scopo di portare avanti una protesta pacifica, circolando anche dopo la mezzanotte.

Poco dopo però si è acceso lo scontro con la polizia, in un’azione di guerriglia urbana che si è protratta per circa un’ora, con cassonetti date alle fiamme e bombe carta scagliate contro le forze dell’ordine.

Tutto si è concluso con dieci manifestanti fermati e due poliziotti feriti.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui