La lettera di un cittadino muove gli ennesimi dubbi su Belcolle e sulla direzione della Asl

Coronavirus, a Belcolle test molecolari svolti dal laboratorio di Genetica anziché da quello di Analisi?

354
L'ospedale di Belcolle

Dopo la lettera pubblicata dalla nostra redazione riguardante la “sospetta” assegnazione dei 40 posti letto alla Clinica Santa Teresa, il nostro lettore (che preferisce restare anonimo e si è firmato con lo pseudonimo ‘Pasquino’) è tornato a scriverci per raccontarci un’altra vicenda contornata da molti dubbi.

Stavolta al centro della lettera un particolare a cui molti non avranno fatto caso, ma che merita sicuramente di essere approfondito: i test molecolari svolti dall’Ospedale di Belcolle.

Esatto, come si evince da una nota regionale diramata dalla Pisana, ad effettuare i test dovrebbe essere il laboratorio di Analisi, ma a Belcolle il laboratorio predisposto ad effettuarli è quello di Genetica.

Ora, le domande che si pone il nostro lettore a cui noi ci accodiamo sono le seguenti: l’attendibilità dei test non è messa a repentaglio da questa scelta? Per quale motivo, dato che ci sono tutte le potenzialità per sfociare nel penale, l’amministrazione non ha proferito parola? E soprattutto, cosa ha spinto il Direttore Generale della Asl Viterbo a fare questa scelta? Quali sono le motivazioni?

Attendiamo risposte, nel frattempo ecco la lettera del nostro lettore con allegate le foto.

Come dichiarato in Consiglio Comunale rispondendo alla mia scorsa lettera – il cui contenuto è stato portato alla sua attenzione dalla consigliera Frontini, che ringrazio- fa piacere sapere che il nostro sindaco Giovanni Arena è molto attento alle delibere della ASL.

Ergo, presumo che sappia come a Belcolle continuino ad accadere cose quantomeno strane. Apprendo in queste ore che la Direzione Sanitaria ha disatteso la Nota Regionale n°0256288 del 30 marzo 2020, o comunque ha preferito interpretarla a suo modo.

La nota della Regione

In estrema sintesi, detta Nota Regionale accreditava il Laboratorio Analisi di Belcolle per effettuare l’esecuzione del test molecolare per la ricerca del virus SARS-CoV-2.
Accade invece che la ASL, con nota protocollo 23954 del 30 marzo 2020, attivava l’esecuzione del sopracitato test presso l’Unità Operativa Semplice Dipartimentale di Genetica Medica del Presidio Ospedaliero di Belcolle, ritenendo sufficiente all’autorizzazione l’ordinanza del presidente della Regione Lazio n°Z00003 del 6 marzo (che non la menzionava affatto) ed esautorando nei fatti il Laboratorio Analisi cui spettava l’accredito.

Per i non addetti ai lavori, scambiare impropriamente il Laboratorio Analisi con quello di Genetica contrasta le normative regionali evincibili dai DCA n°219/2014 e n°359/2016, nei quali le 2 tipologie diagnostiche di laboratorio sono distinte e separate, sia funzionalmente che strutturalmente, con il relativo repertorio di prestazioni di loro competenza, che per la Genetica Medica non considerano assolutamente il test molecolare per la ricerca in ambito virologico.

Pertanto, a mio parere, siamo di fronte ad un’assenza di autorizzazione all’esercizio di attività sanitaria per quel che concerne la ricerca del virus SARS-CoV-2 in campioni da tamponi naso/orofaringei.
In caso affermativo, nella vicenda emergerebbero aspetti di natura penale.

Quella della Asl Viterbo

Non posso fare a meno di chiedermi la ragione che ha spinto la dottoressa Daniela Donetti ad assumere una decisione del genere.

Per quel che concerne l’attendibilità dei test e per la distrazione dell’operatività tipica caratterizzante un laboratorio di Genetica, reputo che si sia commessa una forzatura a danno del Servizio Sanitario.

La parte finale della delibera della Asl Viterbo

Da tutto ciò scaturisce questo mio secondo appello al sindaco Giovanni Arena, dal quale -da umile cittadino- mi aspetto che desideri far luce anche su questo fatto, infarcito da aspetti di una gravità estrema.
E mi chiedo come sia possibile che -vista la sua attenzione alle delibere della ASL- non sia saltato sulla sedia quando, senz’altro prima di me, lo avrà saputo.

Giovannì, io mica campo sempre…”

Pasquino

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui