Coronavirus, aggiornamento italiano: 17enne torna dalla Cina, 2 bambini sospetti

392

Niccolò, il 17enne trattenuto in Cina, a causa della febbre, tornerà in  «nelle prossime 24 ore», con un aereo miltitare. Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, sottolineando che «l’Italia è in prima linea su questa emergenza».

Intanto, fra i 56 italiani rimpatriati da Wuhan, pochi giorni fa, due bambini di 4 e 8 anni, hanno poche linee di febbre. Accompagnati dal padre, i bimbi sono stati trasferiti, a titolo puramente precauzionale, all’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma per ulteriori accertamenti.

Sono in corso di effettuazione i test per il coronavirus e sono in buone condizioni generali, nonostante il lieve rialzo della temperatura, assistiti amorevolmente, oltre che dalla nostra equipe, dal personale specializzato dell’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui