Coronavirus: attenzione alle truffe!

170

Purtroppo, non c’è emergenza in Italia che non si accompagni a tristi episodi di sciacallaggio. Così è anche per il Coronavirus, che in poche ore ha già fatto segnalare diversi tentativi di truffe, soprattutto a danni delle persone più deboli e anziane: finti volontari o sedicenti paramedici che, telefonicamente o porta a porta, propongono test domiciliari gratuiti sul Coronavirus con l’obiettivo accedere alle abitazioni private e derubare le persone.

Il Dipartimento della Protezione Civile non ha dato alcuna disposizione di questo tipo e pertanto invita tutti a prestare attenzione e a respingere qualsiasi approccio, non lasciando accedere alla propria abitazione chiunque si presenti con tale motivazione o altre similari.

Gli stessi profili social della Croce Rossa Italiana ricordano quali sono le reali procedure mediche che il personale è tenuto a seguire e sottolineano che, nel dubbio, è sempre meglio chiamare sempre le autorità per una verifica.

Gli operatori sanitari, infatti, effettuano visite ed eventuali esami a domicilio solo se allertati preventivamente dai cittadini stessi che, attraverso il medico di famiglia, il 118 o il numero nazionale 1500, abbiano segnalato sintomi sospetti o la necessità di accertamenti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui