LETTERINA DALL'AFRICA

Coronavirus: grazie, Conte. Non ci vogliono più nemmeno all’Equatore!

374

L’avevate visto il geniale ‘account twitter’ dell’ambasciata cinese a Roma? Italiani e cinesi forza, uniti nella lotta!!! Andiamo bene… Chi glielo fa capire agli amichetti gialli che così rovinano e terrorizzano ancora di più un popolo – il nostro – che con il loro maledetto Coronavirus non doveva entrarci per niente, o appena di sfuggita, e che – invece – c’è cascato dentro fino ai piedi grazie all’ insipienza e allo “state sereni” di governanti irresponsabili e soavemente ciarlieri come Conte, Zingaretti e Di Maio?

Chi gli urla in un orecchio ai cinesini “untori” che ad essere associati a loro non ci teniamo proprio?! E pensare che – ancora pochi giorni fa – gli illuminati e i globalisti del Parlamento e degli alti Colli si divertivano a farsi immortalare mentre desinavano tranquilli e felici nei ristoranti dagli occhi a mandorla e dai cani cucinati in salmì e profondevano baci e carezze nelle scuole cinesi della capitale!

Loro – ammettiamoglielo – lo avranno pur fatto a fin di bene: per sdrammatizzare e per spegnere qualche sciocco e deprecabile rigurgito di razzismo a priori. Ma, col senno del poi, i signori del “volemose bene” hanno commesso una cazzata gigantesca! La mano dura ci voleva… Durissima.

Isolare la Cina, da e per. Senza andare troppo per il sottile. Roba da stato dittatoriale? No, amici miei. Dovere di un governo che vuole difendere i propri concittadini. I quali, fino a prova contraria sono ITALIANI!

Sapete come mi si rivolgono qui nell’ accogliente Kenya, dove sono di casa e sono tornato per respirare un pò dopo un anno e mezzo buono di forzata assenza? “Giovanni, sei sicuro che non ci porti il virus? Scusa, sai. Ma con quello che succede da voi…”. Un non troppo sommesso invito, pur non esplicitato al cento per cento, ad alzare i tacchi e a togliere il dusturbo.

No, non è piacevole, oggi come oggi, essere italiano e trovarsi a girare il mondo. Ringraziamo ancora chi ci ha gettato in questo gorgo! A dir bene, ci mettono alla berlina. A dir male, ci scansano. Ma ce lo meritavamo?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui