L'assessore D'Amato: "Stimiamo un valore RT lievemente in aumento". Una settimana fa questo valore era a 0,96

Coronavirus, il Lazio a rischio zona arancione dal weekend?

252

Il Lazio potrebbe passare da “giallo” a “arancione” già dal prossimo fine settimana.

L’aumento dell’indice di trasmissibilità (Rt) nella regione – che sfiora la soglia dell’1 – potrebbe far scattare la decisione di imporre misure più stringenti, tra cui la chiusura di bar e ristoranti anche a pranzo, con possibilità di asporto e consegne a domicilio, e il divieto di uscire dai confini comunali salvo specifiche esigenze di lavoro, salute e necessità, da indicare con l’autocertificazione.

Nella giornata di ieri l’assessore alla Sanità D’Amato ha dichiarato che “I dati dell’incidenza e i dati dei tassi di ospedalizzazione sono al di sotto delle soglie di allerta. Stimiamo un valore RT lievemente in aumento”. In occasione dell’ultimo monitoraggio questo valore si attestava a 0,96.

Oltre al Lazio, sarebbero altre cinque le regioni italiane che rischiano il passaggio in arancione: Lombardia, Emilia Romagna, Marche, Piemonte e Friuli. Per conoscerne il destino occorrerà attendere la giornata di domani, con il consueto monitoraggio dei parametri che consentiranno di stabilire la collocazione delle regioni nelle diverse fasce.

In tutto il Paese cresce la preoccupazione per le varianti del virus: per contrastarne la diffusione quattro mini-zone rosse sono state istituite in Lombardia, altre a Chieti, Pescara, nella provincia di Perugia e nel Ternano e nella provincia di Ancona.

Intanto a Napoli nelle scorse ore è stata individuata una forma rarissima di variante inglese, la B.1.525, considerata come il primo caso di questo tipo in Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui