L'emergenza sanitaria e le ripercussioni sul settore lavorativo: una tendenza che coinvolge tutte le fasce di popolazione

Coronavirus: in Italia crolla l’occupazione e aumenta il numero di inattivi

223
lavoro

Effetto Covid: giù il tasso di occupazione nel nostro Paese. Secondo i dati Istat in riferimento al mese di aprile 2020, in Italia “si registra una marcata diminuzione dell’occupazione (-1,2%, pari a -274mila unità), si rafforza il calo delle persone non occupate in cerca di lavoro già registrato a marzo, con una ulteriore forte crescita dell’inattività”.

Una tendenza generalizzata, che coinvolge donne (-1,5%, pari a -143mila), uomini (-1,0%, pari a -131mila), dipendenti (-1,1% pari a -205mila), indipendenti (-1,3% pari a -69mila) e tutte le classi d’età, portando il tasso di occupazione al 57,9% (-0,7 punti percentuali).

In crescita anche il numero degli inattivi (+5,4%, pari a +746mila unità): +5% tra le donne (pari a +438mila unità) e +6% tra gli uomini (pari a +307mila). Il tasso di inattività si attesta al 38,1% (+2,0 punti).

Nei primi mesi del 2020 in Italia si registra una diminuzione anche tra le persone in cerca di occupazione (-20,4% pari a -497mila), mentre aumentano gli inattivi tra i 15 e i 64 anni che sono il 5,2% in più, pari a +686mila unità.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui