Coronavirus Italia: cala il numero dei nuovi contagi (2667) e quello dei morti (578)

396

La discesa dei contagi è, fortunatamente, in progressione. Oggi il Bollettino ci racconta di 2.667 nuovi casi, 305 in meno di ieri. Calano anche i decessi, i quali rimangono tuttavia sempre tanti, 578 in un giorno contro i 602 di ieri per un totale di 21.645 vittime.

Il trend da 5 giorni vede una costante riduzione dei contagi giornalieri, oggi quasi duemila in meno del sabato prima di Pasqua.

In netto calo i ricoveri nei reparti ordinari (- 368) e nelle terapie intensive, dove si liberano in un giorno 107 letti. In calo netto però anche i guariti, che la scorsa settimana marciavano al ritmo di duemila al giorno ed oggi sono soltanto 962.

Nel conteggio dei sanitari vittime del Covid si segnalano oggi anche altri due infermieri. Lo rende noto la Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi). Il bilancio degli infermieri morti dall’inizio dell’epidemia è di 30. Il 34% lavorava in Residenze per anziani Rsa e strutture territoriali.

Per quanto riguarda il Lazio, invece, ecco il comunicato della Regione (121 positivi e 11 decessi):

“Oggi registriamo un dato di 121 casi di positività di cui 52 riferibili al cluster di Rocca di Papa già sotto cordone sanitario e un trend al 2,3% il più basso da inizio epidemia. Bisogna mantenere molto alta l’attenzione sulle RSA e case di riposo non si può abbassare la guardia. E’ stata costituita un’apposita Commissione regionale per svolgere gli audit di verifica del rispetto delle disposizioni impartite. Sono ad oggi 335 le strutture per anziani ispezionate su tutto il territorio. Su Rocca di Papa è in corso l’audit richiesto alla Asl Roma 6 e al SERESMI (servizio regionale malattie infettive – Spallanzani) per la verifica di tutte le procedure operative adottate e le misure di prevenzione. Resta una forte criticità. Roma città regista una frenata nel trend con il dato di 24 nuovi casi nelle ultime 24h. Si amplia la forbice tra coloro che escono dalla sorveglianza domiciliare (16.658) e coloro che sono entrati in sorveglianza (10.196) di più di 6 mila unità. Nelle province di Latina, Rieti e Frosinone non si registrano decessi nelle ultime 24h.

Per quanto riguarda i guariti è un record saliti di 85 unità nelle ultime 24h per un totale di 874, mentre i decessi sono stati 11 e i tamponi effettuati circa 76 mila” commenta l’Assessore D’Amato.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui