Il primo cittadino chiarisce sull'ordinanza che ha suscitato polemiche

Cortei funebri vietati a Bagnoregio, Profili: “Scelta presa per preservare l’incolumità e la sicurezza dei cittadini”

373
luca profili
Il sindaco di Bagnoregio Luca Profili

Ha suscitato polemiche l’ordinanza del sindaco Luca Profili sul divieto di organizzare cortei funebri a Bagnoregio. Una scelta che, stando alle parole del primo cittadino del comune del nord della Tuscia, sarebbe stata strumentalizzata da qualcuno, che avrebbe cercato di far passare l’idea che a Bagnoregio fossero stati vietati del tutto i funerali.

Attraverso un messaggio pubblicato sulla sua bacheca, il sindaco Profili smentisce queste voci e fa i dovuti chiarimenti.

“Vorrei chiarire e spiegare le motivazioni che mi hanno indotto a firmare l’ordinanza che vieta a Bagnoregio i cortei funebri. Non abbiamo vietato la possibilità di svolgere i funerali nei giorni festivi, come qualcuno sta provando a far passare la notizia ma soltanto la possibilità di fare il corteo. Prima cosa, non sono qua per prendere soltanto decisioni che abbiano un ampio consenso, sapevo già prima di firmarla, che questa ordinanza avrebbe indotto qualcuno ad una strumentalizzazione della stessa. Come ogni provvedimento, non si tratta di una imposizione irreversibile ma che dovrà essere valutato ed eventualmente perfezionato con il tempo. È stata una decisione presa di concerto con il parroco ed il comandante della polizia locale avente un solo fine, preservare l’incolumità e la sicurezza dei cittadini. Scelta tra l’altro che tantissimi altri comuni, anche non turistici, hanno già adottato. Tantissimi cittadini, ad esempio, ci hanno chiesto in questi anni, di poter far svolgere la processione della Madonna del Buon Consiglio di sera, per permettere alla fiera di protrarsi anche nel pomeriggio ma abbiamo sempre detto no, proprio per preservare le tradizioni del nostro paese e non snaturarle. A chi si è rivolto alle autorità ecclesiastiche ricordo che la mia amministrazione, in linea con quella precedente, continua a lavorare per contribuire a mantenere intatto il patrimonio che la chiesa possiede nel nostro comune, come ricordato anche ieri mattina dal Vescovo Mons. Lino Fumagalli. Come in altre occasioni, non accettiamo morali da coloro che hanno iniziato a frequentare le chiese Bagnoresi e partecipare alle processioni soltanto nel mese precedenti alle elezioni. Come sempre, rimango a disposizione dei cittadini per ogni chiarimento”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui