Cosa c’entra Purchiaroni con la discarica di Monterazzano? Intanto il Comune muove guerra a Zingaretti

Affermare che l’ing. Fabrizio Purchiaroni (fan di Vasco Rossi?) sia poco fortunato, è il minimo che si possa dire

264

sagginiAffermare che l’ing. Fabrizio Purchiaroni (fan di Vasco Rossi?) sia poco fortunato, è il minimo che si possa dire.

Ma ti pare possibile che un consigliere comunale, tale Paolo Bianchini di FdI, che studia le carte della discarica di Monterazzano, leggendo un verbale di una innocente conferenze dei servizi tenuta in Regione, per caso legga il nome di un collega consigliere? Ma non vi sembra esagerata questa coincidenza negativa per il nostro uomo? Ma questa secondo voi non è sfiga nera? Da qui l’azione obbligatoria di Paolo Bianchini, all’interno del consiglio comunale.  Adesso, come a tutti noto, è cominciata tutta la sequela delle operazioni che devono vedere chiaro se Purchiaroni deve dimettersi, oppure rimanere al suo posto. Il nocciolo della questione è uno solo. Si deve rispondere alla domanda se Fabrizio Purchiaroni era presente alla conferenza dei servizi per puro caso, per una consulenza “una tantum”, oppure se il nostro personaggio è a tutti gli effetti un consulente di Viterbo Ecologia, per la quale ha anche firmato il progetto di ampliamento dell’invaso. Insomma non sarà un caso che si trascinerà come quello di Chicco Moltoni.

Viterbo Ecologia, come a tutti noto, è la proprietaria della discarica di Monterazzano che, nei voleri della Regione Lazio dovrebbe essere ampliata, per consentire di aumentare la capacità dell’invaso per ospitare le tonnellate di rifiuti romani, che il nostro “amico” Zingaretti (bontà sua), ci ha destinato con un atto della Regione. Al momento a Roma, Arpa Lazio e Cnr, stanno analizzando i valori di fondo della discarica di Monterazzano, qualora da queste analisi risultasse che sono naturali, si potrebbe procedere all’ampliamento, ma se dovessero risultare antropici (inquinanti oltre i limiti), l’ampliamento sarebbe bloccato per legge. Infatti, qualora risultassero inquinanti, se si amplia la discarica si rischia di trasmettere l’inquinamento alla falda acquifera sottostante, con risultati che non è difficile immaginare. Inoltre notizie che ci hanno dato per certe, dicono che Giovanni Arena ha dato mandato agli avvocati del Comune, di cercare e trovare gli appigli per impugnare la delibera regionale, dello sversamento dei rifiuti romani. Insomma, non c’è da stare allegri. E poi siccome si parla di materiale maleodorante, ricordate sempre l’antico adagio: “Più la rimuovi e più puzza”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui