La consigliera del Pd Luisa Ciambella: "Rapporto tra asintomatici e sintomatici è 1:1, significa che c'è grande difficoltà nella gestione della pandemia"

“Covid, bisogna favorire la comunicazione perché molti cittadini non sanno come comportarsi”

164
ciambella

“Iniziamo ad entrare nel cuore del bilancio e questa è la preoccupazione e il dramma che dovrebbe emergere dal documento”. La consigliera del Pd Luisa Ciambella apre la prima seduta dedicata al bilancio di previsione con il tema dell’andamento della pandemia a Viterbo e provincia.

“Dati drammatici – come li definisce la consigliera – sono preoccupata come cittadina, mamma e come amministratore. I dati sulla diffusione del contagio negli ultimi dieci giorni parlano di un incremento di oltre il 150% – prosegue – siamo arrivati a superare, sembrerebbe, un indice di RT oltre al 2 e il numero dei positivi che in questo momento si ha nella provincia sfiora i mille casi, con un’incidenza di quasi il 60% a Viterbo”.

La Ciambella ha aggiunto che dai dati emerge anche che oltre il 30% dei contagiati non riesce a riferire dove può essersi contagiato e che evidentemente non si arriva a tracciare come si dovrebbe. “Un altro dato che spaventa è l’incidenza tra positivi asintomatici e sintomatici – prosegue – sembrerebbe che il rapporto sia intorno all’1, cioè per ogni paziente sintomatico ce n’è uno asintomatico. Quando si arriva ad avere un rapporto 1 a 1 significa che c’è grande difficoltà nella gestione del contagio e della pandemia”.

Un ulteriore problema è rappresentato dal fatto che molti contagiati si recano all’ospedale anche se potrebbero tranquillamente essere curati a casa. “Manca quella famosa comunicazione che le recrimino dal primo giorno – ha affermato la Ciambella rivolgendosi al sindaco Arena – le persone arrivano all’ospedale senza avere informazioni su come comportarsi. Bisogna colmare questo gap e favorire la comunicazione, altrimenti  entreremo in una situazione che ci porterà al collasso”.

Rispetto ai numeri sulle scuole, che ad oggi sono 56 le classi messe in quarantena nella provincia di Viterbo, mentre Arena ha chiarito che su un totale di 670 positivi a Viterbo, 99 sono studenti dalla materna alle superiori.

Il primo cittadino di seguito ha riconosciuto che esistono criticità che si acuiscono all’aumentare dei numeri. “Il rapporto medico di base e Asl è fondamentale per tracciare e rispettare i protocolli esistenti che devono essere monitorati continuamente”, ha spiegato. Per la giornata di domani è invece fissato un incontro tra Arena e l’assessore alla Sanità del Lazio D’Amato, in cui ci sarà occasione di porre sul tavolo le diverse problematiche dell’emergenza sanitaria.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui