Covid: nel Lazio aumento vertiginoso dei contagi causa variante Delta, rischio zona gialla?

227

I contagi tornano a correre nel Lazio e si rischia di tornare in zona gialla dal 26 luglio.

“RT e Incidenza in incremento, rispettivamente a 0,81 e 16,9/100mila abitanti. Ci attendiamo un ulteriore peggioramento. I nuovi casi aumentano di circa 80% rispetto alla settimana scorsa e l’età media si attesta a 23 anni”.

Così l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato che rinnova “l’invito a vaccinarsi o completare il ciclo vaccinale prima delle partenze per le vacanze”.

Per quanto riguarda la variante Delta D’Amato dichiara che “il quadro epidemiologico mostra un ulteriore incremento della circolazione della variante, che si delinea come quella prevalente in tutte le Asl. Dalle sequenze effettuate su tutti i tamponi positivi è emerso che nel 57,1% è stata identificata una variante Delta, i due terzi (64,7% dei casi) sono concentrati nell’area metropolitana di Roma. In più di tre quarti si tratta di persone con età inferiore ai 50 anni mentre il 66% dei casi con infezione da variante Delta ha un’età inferiore ai 30, la media è 29 anni. Il 76,5% dei casi rilevati risulta non vaccinato. Tale proporzione raggiunge il 90,4% se si aggiungono anche coloro che hanno ricevuto una sola dose”.

Una mutazione particolarmente contagiosa ma attualmente “la proporzione di ospedalizzazione nei casi con variante Delta è del 6,6%” conclude D’Amato.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui