Il monito dell'assessore alla Sanità D'Amato: "Over 60, è necessario velocizzare la terza dose di richiamo"

Covid, nel Lazio incidenza dei casi più alta della media nazionale

118
d'amato

Vaccini, sulla terza dose a chi ha più di 60 anni serve accelerare. E’ questa l’idea ribadita dall’assessore alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato nelle scorse ore.

Per riceverla – come ha ricordato l’assessore – è sufficiente “scegliere il centro vaccinale o la farmacia vicino casa. Chi vuole può fare la terza dose del richiamo dal proprio medico di famiglia contattandolo direttamente”.

Intanto a livello regionale sono state già somministrate 110 mila dosi booster anti-Covid. Da qualche giorno è anche possibile prenotare il vaccino aggiuntivo per il personale sanitario che abbia ricevuto la seconda dose da almeno sei mesi.

Sul fronte dei vaccini antinfluenzali, nel Lazio sono state somministrate 146.339 dosi, di cui 2.776 eseguite dai medici di medicina generale e 153 dai pediatri di libera scelta. I vaccini distribuiti in totale sono invece 732.393.

“Il vaccino è gratuito per over 60, soggetti fragili e dai 6 mesi ai 6 anni di età. – ha sottolineato D’Amato – Basta richiederlo al proprio medico di medicina generale o al pediatra di libera scelta”.

Rispetto a periodo precedente, nel Lazio questa settimana l’indice Rt è in lieve discesa (0,85), mentre e l’incidenza dei casi è “in lievissimo rialzo a 34,89 su 100mila abitanti”.

A livello nazionale numeri pressoché stabili. In base ai dati dell’ultimo monitoraggio dell’ISS, l’incidenza media dei casi per 100.000 abitanti è pari a 29 (invariato rispetto alla settimana precedente), mentre l’Rt si attesta a 0,86.

Ancora in calo il tasso di occupazione delle terapie intensive (3,9%) e quello dei reparti ordinari (4,2%).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui