Le Regioni che questa settimana superano la soglia d’allerta del 10% dei posti occupati in terapia intensiva sono 14

Covid, nuova impennata di casi: in una settimana più che raddoppiata l’incidenza nazionale

97

Covid, negli ultimi sette giorni è più che raddoppiata l’incidenza dei casi a livello nazionale ogni 100.000 abitanti: sono adesso 783, in base all’ultimo monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità, contro i 350 della settimana scorsa.

In leggero aumento anche l’indice di trasmissibilità Rt, che ora si attesta a 1,18 (era 1,13 nel monitoraggio precedente).

Sono due le Regioni/Province autonome classificate a rischio alto, mentre 18 risultano classificate a rischio moderato. Tra queste, 7 sono ad alta probabilità di progressione a rischio alto. Una sola area è classificata a rischio basso.

Ancora in crescita anche il tasso di occupazione dei reparti ospedalieri: in terapia intensiva è al 12,9% rispetto al 10,7% del 23 dicembre scorso.

Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale sale al 17,1%, contro il 13,9% dei sette giorni precedenti.

Le Regioni che questa settimana superano la soglia d’allerta del 10% dei posti occupati in terapia intensiva sono: Abruzzo (al 12%), Calabria (15%), Emilia Romagna (14%), Friuli Venezia Giulia (15%), Lazio (16%), Liguria (20%), Lombardia (13%), Marche (17%), Pa Bolzano (18%), Pa Trento (23%), Piemonte (16%), Sicilia (11%) e Toscana (13%), Veneto (18%). Il tasso d’occupazione è stabile a livello nazionale al 13% ma sale in 5 regioni: Emilia Romagna (14%), Liguria (20%), Lombardia (13%), Puglia (6%), Sicilia (11%).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui