Oggi alle ore 18

Dalla crisi climatica alla gestione sostenibile delle comunità locali, incontro con il professor Vincenzo Ferrara

101

Continua il ciclo di eventi “la competenza al centro” organizzata da Viterbo sul Serio – VivaViterbo (area azione di Carlo Calenda), che supporta il candidato sindaco Alessandra Troncarelli.

Nel prossimo incontro voluto dal segretario provinciale di Azione Giacomo Barelli e dal professor Claudio Margottini, si discuterà di come i cambiamenti climatici possono impattare nella nostra vita quotidiana e di come sia possibile ottenere finanziamenti importanti, per le amministrazioni comunali, in modo da realizzare gli opportuni piani di adattamento.

Ospite di riguardo sarà il professor Vincenzo Ferrara, già climatologo Enea e membro del gruppo di lavoro che negoziò, per conto del Governo italiano, il famoso protocollo di Kyoto.

Dopo aver brevemente chiarito cosa è il clima e come funziona il sistema climatico, il Prof. Vincenzo Ferrara passerà a descrivere i principali impegni internazionali in materia di cambiamenti climatici sottoscritti dall’Italia, sia in sede Nazioni Unite, (Convenzione Quadro sui cambiamenti climatici del 1994 e Accordo di Parigi del 2015), sia in sede Unione Europea (Green Deal Europeo, Pacchetto clima-energia, EU Adaptation Strategy).

I cambiamenti del clima presentano aspetti di rischio non solo per la sicurezza energetica, la sicurezza idrica e la sicurezza alimentare, ma anche per lo sviluppo sostenibile nazionale e locale, per la gestione del territorio e delle attività economiche territoriali e, infine, per l’uso delle risorse naturali. Gli impegni da attuare sono di due tipologie fondamentali: Impegni: – che riguardano la riduzione e la minimizzazione delle possibili interferenze causate dalle attività umane sugli andamenti naturali del clima (soprattutto emissioni di inquinanti e gas climalteranti) e – impegni che riguardano la prevenzione e la riduzione delle conseguenze negative e dei danni derivanti dai cambiamenti del clima.

Su quest’ultima tipologia di impegni, che vengono definiti di “adattamento” ai cambiamenti climatici, e sulla loro applicazione a livello locale, il Prof. Ferrara presenterà una panoramica complessiva. Inoltre, ne discuterà in relazione alla attuazione delle strategie e dalle attività indicate nell’obiettivo 2 del PNRR, in cui sono coinvolti i Comuni e gli Enti locali. Si tratta, in particolare di temi che riguardano la prevenzione dei maggiori rischi legati al dissesto idrogeologico, dei rischi aggiuntivi alle infrastrutture urbane e ai trasporti, dei rischi complessivi legati alla qualità dell’aria, ai beni culturali e al turismo, dei rischi aggiuntivi legati alle reti critiche (elettrica, gas, telefonica, informatica, fognature, ecc.).

Sono problematiche molto importanti per il Comune di Viterbo, che ha un territorio abbastanza vasto e molto articolato: si estende per oltre 40.600 ettari e comprende ben 13 frazioni. Tra l’altro, la messa a punto di un adeguato “piano comunale di adattamento ai cambiamenti climatici” permetterà al Comune di Viterbo di accedere anche a fondi diversi da quelli del PNRR, quali, per esempio i fondi messi a disposizione dal MiTe (DD 117 del 2021) e quelli della Unione Europea (Programma Life 2021-2027).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui