Lega e Forza Italia votano sì mentre FdI e Fondazione ricorrono all'articolo 47 comma 4

Debiti fuori bilancio approvati, restano però le divisioni nella maggioranza

113

Previsioni sconfessate. Contrariamente a quanto ipotizzato, ieri nessun problema di numero legale per il parlamentino di Palazzo dei Priori nonostante fosse mercoledì, giornata anomala per le assemblee comunali.

Le forze di maggioranza stavolta erano tutte presenti ma resta comunque la distanza tra loro, e non solo quella fisica dovuta al videocollegamento.

Al momento del voto, infatti, l’asse Fratelli d’Italia-Fondazione è ricorsa all’articolo 47 comma 4 – ossia si è presenti ma non si vota – mentre Lega e Forza Italia si sono espresse a favore.

Astenuti tutti i gruppi di minoranza.

La delibera sui debiti fuori bilancio è approvata resta però, sancita dalla votazione, il clima di tensione in maggioranza.

L’opposizione ha motivato l’astensione con l’impossibilità di avere chiarimenti su alcuni dubbi, non essendo presente l’assessore al Contenzioso Barbieri. Assente giustificato.

Stigmatizzato anche il fatto di aver convocato un consiglio comunale, che comunque prevede dei costi in termini di gettone di presenza, con un unico punto all’ordine del giorno.

Come spiegato dal presidente del consiglio Evangelista c’era l’urgenza di approvare i risarcimenti dovuti ai cittadini entro il 30 settembre. Non a caso, infatti, era già stato fissato il consiglio in seconda convocazione qualora ieri non si fosse raggiunto il numero legale.

Le prossime sedute potranno essere forse ancora più significative per capire se le fibrillazioni nella maggioranza resteranno il leit motiv di questo anno e mezzo di mandato.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui