Movida a San Pellegrino: le parole di Elena Pierini, presidente del Comitato di Quartiere, dopo i primi giorni di riaperture

“Di notte assembramenti, schiamazzi e poche mascherine… molti residenti vogliono andarsene”

251

Prospettive per il rilancio del centro storico di Viterbo in vista della bella stagione e in piena fase 2: un tema posto sul tavolo nei giorni scorsi sia da parte dell’amministrazione comunale che dai lavoratori e residenti dell’area, in particolare del quartiere di San Pellegrino.

Il primo cittadino di Viterbo Giovanni Arena in consiglio comunale aveva condiviso a pieno l’idea di pedonalizzare il centro storico nei fine settimana e di sera, in modo da impedire alle auto di sostare nelle piazze e incentivare il turismo in città. L’idea è stata però ostacolata da alcuni commercianti e ristoratori della zona, tanto che alcuni di loro si sono detti “pronti a chiudere nuovamente” nel caso in cui ciò accadesse.

Di un altro parere è invece Elena Pierini, presidente del Comitato di Quartiere di San Pellegrino, che si dice a favore della proposta di chiudere il centro alle auto. “Personalmente sono d’accordo – ha detto la Pierini – sempre restando che i residenti debbono poter raggiungere le loro abitazioni”.

Ma quello della pedonalizzazione non è l’unica questione da affrontare parlando di San Pellegrino. Con l’avvio della fase 2 sono infatti tornati in auge i problemi legati alla movida nel quartiere: “Sappiamo anche noi che parlare di movida in questo periodo è difficile, ma purtroppo per noi è sempre una questione di vita o di morte – commenta la presidente del Comitato – già diversi residenti stanno pensando di andarsene. A una settimana dalla riapertura abbiamo già dovuto chiamare le forze dell’ordine diverse volte per gli schiamazzi. E in barba alle dichiarazioni del sindaco sui comportamenti virtuosi dei viterbesi qui la notte ci sono assembramenti e pochissimi portano le mascherine”.

E anche i controlli per la Pierini sarebbero insufficienti. “Sappiamo che i locali si sono accordati per una vigilanza privata per il fine settimana. Ma non so quanto sia efficace: due notti fa alcuni ragazzi che litigavano hanno risposto male perfino ai poliziotti. La vigilanza istituzionale arriva su chiamata”, aggiunge.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui