“Dipendenza affettiva e violenza di genere. Il partner maltrattante”: interessante convegno all’Università della Tuscia

71

Viterbo- Si è svolto ieri, 14 giugno, alle ore 15:30, presso l’aula magna dell’Università degli Studi della Tuscia 
a Santa Maria in Gradi,
il laboratorio di criminologia, criminalistica 
e scienze delle investigazioni.
Nel Corso del convegno è stato presentato il volume intitolato Guida pratica operativa alle investigazioni 
Cedam III edizione 2022.
Estremamente interessante e il seminario “Dipendenza affettiva e violenza di genere. Il partner maltrattante”. Ha coordinato Alessandro Sterpa.
Dopo i saluti del rettore dell’università Stefano Ubertini,
hanno presentato Vincenzo Cianchella e Fabio Pacini. 

I relatori sono stati Ruben De Luca, Paola Conti e Antonello Madeo. Ruben De Luca ha parlato degli aspetti criminologici, Paola Conti delle investigazioni del PM e Antonello Madeo delle investigazioni del difensore.
I saluti del direttivo sono stati dati da Tiziana Laureti.
Presenti in sala, fra gli altri, il questore di Viterbo dott. Giancarlo Sant’Elia, il Comandante Provinciale dei Carabinieri col.Andrea Antonazzo, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza col. Andrea Pecorari.

Nel corso del convegno c’è stata la ricostruzione realistica di una vittima di violenza di genere a cura dei simulatori – truccatori della Croce Rossa di Viterbo. 

L’evento ribadisce l’obbligo di lavorare nella prevenzione della violenza di genere che trova forza negli stereotipi e meccanismi culturali diffusi.
Si avverte sempre di più la necessità di sensibilizzare l’opinione pubblica per accrescerne la consapevolezza rispetto al fenomeno della violenza di genere, anche al fine di promuovere una corretta cultura della relazione uomo-donna in ogni età e nella prospettiva di rafforzare il messaggio che una società libera dagli stereotipi di genere è certamente una società migliore.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui