Discarica del Fosso Crepacuore, il gestore: “Entro tre mesi la situazione tornerà come prima”

FOSSO CREPACUORE Il proprietario della Mad Valter Lozza garantisce sul ripristino dell’area e parla di operazioni autorizzate. L'ordinanza della Regione Lazio prorogata fino al 15 ottobre   

755
fosso crepacuore rifiuti

Dai nostri partner di CivOnline, il quotidiano telematico dell’Etruria

CIVITAVECCHIA – “Nell’arco di due, al massimo tre mesi, la situazione tornerà come prima”. È quanto conferma Valter Lozza, proprietario della Mad, la società che gestisce la discarica di Fosso Crepacuore, alla luce delle diverse segnalazioni e richieste di chiarimenti su quella che è diventata, nel corso delle ultime settimane, una sorta di collina che ha cambiato completamente il panorama cittadino. La collina, considerata la sua altezza, è visibile da molte parti della città, per chi percorre la Braccianese Claudia, per chi transita sull’autostrada e sulla bretella della superstrada.
«Si tratta di operazioni tutte autorizzate – ha tenuto a precisare Lozza – su indicazione proprio della Regione Lazio abbiamo proceduto alla realizzazione della nuova vasca, accantonando il materiale di risulta in quell’area autorizzata. Già in questi giorni, comunque, stiamo procedendo al riutilizzo e al trasferimento di quel materiale per permettere così, entro al massimo tre mesi, di riportare tutto alla normalità».
Escavatori e ruspe sono già in azione da giorni. Un via vai che ha preoccupato i civitavecchiesi. Il cumulo di materiale è cresciuto di giorno in giorno. E questo anche per rispondere alle esigenze della Regione che, nei giorni scorsi, avrebbe prorogato l’ordinanza legata all’emergenza rifiuti della Capitale fino al 15 ottobre.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui