Le prime 9.750 dosi dal Belgio sono arrivate a Roma ieri sera. Dallo Spallanzani partirà la distribuzione in tutta Italia

Domani è il “V-Day” in tutta Europa: a Belcolle le prime 40 dosi in arrivo lunedì

115

Vaccino Pfizer-Biontech, in arrivo le prime quaranta dosi anche nella Tuscia. Queste saranno somministrate lunedì 28 dicembre a un gruppo di medici e infermieri dell’ospedale di Belcolle, che a loro volta potranno poi procedere a vaccinare il resto della popolazione con l’arrivo di un numero di dosi più consistenti a partire dal mese di gennaio.

Intanto l’ospedale Spallanzani di Roma è ormai pronto all’arrivo delle 9.750 dosi del farmaco partite dal Belgio, che nel tardo pomeriggio di ieri sono giunte alla caserma di Tor di Quinto scortate dalle forze dell’ordine: le prime cinque verranno somministrate ad altrettanti operatori sanitari (un’infermiera, un operatore socio sanitario (OSS), una ricercatrice e due medici) della struttura nel “V-Day” del 27 dicembre, quando la campagna vaccinale partirà simbolicamente in tutti i 27 Stati europei.

Allo Spallanzani resteranno 955 dosi, mentre le restanti saranno divise e distribuite in tutte le regioni italiane con il supporto dei mezzi militari, per procedere successivamente all’individuazione delle categorie di persone più a rischio che avranno la precedenza per accedere al farmaco, in primo luogo operatori sanitari e sociosanitari, residenti e personale delle Rsa per anziani; poi sarà il turno degli over 80, over 70 e via via scendendo tra le fasce più basse d’età della popolazione italiana.

Il vaccino, come specificato dalle autorità sanitarie europee, sarà destinato a tutti coloro che hanno compiuto i 16 anni di età e totalmente gratuito. In Italia saranno 1500 i punti di distribuzione dove ci si potrà vaccinare volontariamente, più una serie di unità mobili per raggiungere chi non può spostarsi.

Il Governo ha opzionato altri cinque vaccini oltre a quello della Pfizer-Biontech, per un totale di 202 milioni di dosi che verranno rese disponibili per la popolazione. I prossimi farmaci che dovranno essere approvati sono quelli di Moderna (6 gennaio) e AstraZeneca.

L’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) ha diffuso le FAQ sul vaccino Pfizer-Biontech, consultabili al seguente link: http://www.asl.vt.it/approfondimenti/coronavirus/FAQ-Vaccinazione_anti_COVID-19_con_vaccino_Pfizer.pdf.

 

 

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui