Non si recede, la volontà di sfiducia va ratificata ufficialmente

Domani in venti dal notaio, resta l’appuntamento anche se Arena si è dimesso

123

Dritti dal notaio.

Le dimissioni del sindaco Arena non smuovono di una virgola la determinazione di venti consiglieri a recarsi domani dal notaio.

Per i 15 di Lega, Fratelli d’Italia e Fondazione, a cui si sono aggiunti cinque di minoranza (Viterbo 2020 e Barelli) non cambia nulla.

Il dado è tratto e vogliono mettere definitivamente la parola fine all’amministrazione Arena, firmando le dimissioni in massa davanti al notaio.

Un ‘sigillo legale’ che va a concludere un’esperienza amministrativa di oltre tre anni, funestata dalla pandemia ma soprattutto dalle tensioni di una maggioranza sempre sull’orlo di una crisi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui