Donne in opera: premiate le eccellenze della Tuscia e l’imprenditoria femminile

Si è svolta ieri, 21 settembre, dalle ore 21, la quinta edizione dell'evento promosso dall Camera di Commercio di Viterbo e dal Comitato per la Promozione dell'Imprenditoria femminile e patrocinato dal Comune di Viterbo

474

L’imprenditoria femminile è una componente sempre più affermata e consolidata all’interno del panorama della Tuscia.
Donne in Opera è dedicata proprio alla valorizzazione delle eccellenze femminili del territorio.

Si è svolta ieri, 21 settembre, dalle ore 21, la quinta edizione dell’evento promosso dall Camera di Commercio di Viterbo e dal Comitato per la Promozione dell’Imprenditoria femminile e patrocinato dal Comune di Viterbo.
La serata è stata presentata dalla bravissima Laura Leo, che ha allietato il pubblico anche esibendo le sue doti canore. Moderatrice della serata Serenella Papalini, presidente del Comitato per la Promozione dell’Imprenditoria femminile. Le sfilate sono state coordinate dalla Background Accademy e dalla bellissima Antonella Polini.

In apertura, “Duo a quattro mani”, con interpreti Gabriella Compagnone e Daniele Mencarelli.
Si inizia alla grande! Molto suggestive le sfilate di moda.
Accessori originali, ispirati alla città dei Papi e agli Etruschi e in ceramica hanno arricchito di dettagli importanti la creatività femminile. L’elegante leggiadria degli abiti da sera, la classe dei vestiti da sposo e il bianco fiabesco delle spose hanno incantato il pubblico. Volumi e trasparenze, ricami e ispirazione dai film hanno sinergicamente donato agli abiti la funzione non solo di vestire, ma anche e soprattutto quella di “svestire” nel senso di svelare il vero animo dell’universo femminile e la bellezza.

Nella serata, la donna imprenditrice, forte e decisa, ma anche delicata e attenta ha dato prova della caparbietà e del valore dell’eccellenza locale, perchè “le donne sono la colonna vertebrale della società”, anche nella Tuscia.

Il sindaco Giovanni Maria Arena, ringraziando la Camera di Commercio, ha confermato la vicinanza dell’Amministrazione Comunale all’universo imprenditoriale in rosa. Presenti in platea, fra gli altri, il sen. Umberto Fusco l’assessore Ludovica Salcini, l’assessore Antonella Sberna, i consiglieri comunali Paola Bugiotti, Giulio Marini e Chiara Frontini. Presente anche Raffaele Ascenzi.

Il presidente della Camera di Commercio Domenico Merlani, sul palco, ha ringraziato le imprenditrici viterbesi.
Alcune hanno ritirato un dovuto riconoscimento, per essersi particolarmente distinte nel lavoro.
Accanto all’eclettica Laura Leo, sono salite sul palco Tiziana Governatori delle terme Salus, la campionessa di pattinaggio Ludovica Delfino, Iside De Cesare e suor Francesca, madre superiora del monastero di Santa Rosa. Commovente il ricordo rivolto all’imprenditrice viterbese Nicoletta Ascenzi, recentemente scomparsa; ha ritirato il premio la figlia, la quale ha letto una lettera alla madre.

Simpatico l’intervento di Mammo Rappo e Elia Caprera che hanno cantato la canzone “Il facchino”, in omaggio a Santa Rosa. Le donne a volte possono incontrare, come tutti, delle difficoltà, anche di salute. Il direttore sanitario della Asl Antonella Proietti ha presentato il progetto Breast Unit, un centro di senologia e ha ricordato un importante appuntamento : il 4 e 5 ottobre ci sarà l’inaugurazione di un dipartimento dedicato alla donna e al bambino.
È intervenuto anche Francesco Cavaliere, coordinatore Breast Unit Asl Viterbo.

Il successo della serata è stato ottenuto anche grazie alla Background Academy, che ha curato le sfilate di moda; al trucco raffinato delle modelle, realizzato dalle ragazze del Centro Estetico Sharj e da Natascia Uggeri e da Estetica Chiara di Chiara Cenci. Le acconciature sono state realizzate della Compagnia della Bellezza di Letizia Segatori e da Tagli & Dettagli di Alessia Achilli.

Si sono alternate creazioni dell’ Istituto di Moda Fotu, Viterbo; Artmerlino di Capodimonte; Cinzia Chiulli Percorsi artistici, Viterbo; Daniela Lai, Viterbo; Italia Garipoli, Tre Croci di Vetralla; Ricci Sposo, Cura di Vetralla; La Temporada di Chiara Sartori, Sutri; LeS di Leoni Sara, di Cura di Vetralla; Merinda Spose, Cura di Vetralla; O.B.B. di Roberta Pietrini, Viterbo; Sartoria Cavour, Viterbo; Segnali di Moda, Tuscania.

Un meritato riconoscimento è stato infine consegnato alle imprenditrici, alle quali Patrizia Pellegrini ha recitato una poesia. Una canzone intramontabile di Fiorella Mannoia è stata dedicata a tutte le donne da Benedetta Moschetti e Laura Leo. “Quello che le donne non dicono”.
“Siamo così, dolcemente complicate,
sempre più emozionate, delicate ,
ma potrai trovarci ancora qui
nelle sere tempestose
portaci delle rose
nuove cose e ti diremo ancora un altro sì”.
Sì all’imprenditoria femminile, sì all’impegno e alla creatività delle donne, sì a serate come questa in cui si valorizzano il lavoro e l’eccellenza in rosa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui