Il Tweet del direttore

Dopo la mondezza vorrebbero mandarci anche i campi rom e le scorie nucleari. Basta, Viterbo si ribelli!

273

L’ineffabile Virginia Raggi, che già – un annetto fa – tentò di trasformare Viterbo e il suo territorio nell’ immondezzaio di Roma e venne respinta a fatica, ci riprova a nostro danno. Stavolta l’ aspirante avvocatessa vorrebbe dirottare nel viterbese alcuni dei campi rom che infestano da tempo la capitale e la rendono meno sicura. Una fissazione la sua. Cercare di risolvere gli storici – e cronici – problemi della capitale scaricandoli sulle nostre spalle. Proprio brava, la sindachessa che i romani sognano di cacciare via a calcioni nel deretano alle prossime elezioni! Ma non è  finita qui. Stamattina un’ altra imprevista e ferale notizia si e’ abbatttuta sulle nostre teste, e stavolta non c’ entra niente Biancaneve Raggi. C’è  che l’ ente governativo preposto ha indicato ventidue aree della Tuscia per realizzarvi altrettanti depositi per lo smaltimento delle scorie nucleari. Nefasta  intenzione, che maturerebbe da aprile. Immaginate le conseguenze per il nostro patrimonio ambientale e paesaggistico? Roba da pazzi. Roba da alzare le barricate e brandire le baionette. Sarà capace la nostra classe politica, non esattamente composta da cuor di leoni, a rintuzzare questo doppio attacco alla vivibilità dei nostri territori già così trascurati? Ce lo domandiamo e temiamo. Serve agire subito e con determinazione. Difendiamo Viterbo! Ci vuole uno scatto d” orgoglio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui