Doppia cerimonia Comune e Anpi per la Festa della Liberazione

Due cerimonie per ricordare il 74^ anniversario della Liberazione e il ventennale del conferimento della medaglia d’Oro al valori civile.

372

Due distinte cerimonie a Civitavecchia per ricordare il 74^ anniversario della Liberazione e il ventennale del conferimento della medaglia d’Oro al valori civile. Le iniziative programmate dal Comune hanno preso il via alle 10.30 con l’omaggio ai Martiri della Fosse Ardeatine e la deposizione di una corona alla targa in memoria posizionata sulla Mediana. Una corona è stata deposta alla lapide dedicata ai perseguitati politici antifascisti fuori al carcere di via Tarquinia, dove all’epoca furono detenuti personaggi come l’ex presidente della Repubblica Sandro Pertini. Le cerimonie sono poi proseguite con la deposizione di un omaggio floreale in ricordo di Giacomo Matteotti al busto di viale Garibaldi. Parallelamente si sono svolte le cerimonie organizzate dalla neo costituita sezione locale dell’Anpi con deposizioni al busto di Pietro Gori in piazza Regina Margherita. Un folto corteo ha accompagnato la banda fino al monumento a largo Arditi del Popolo dove si sono alternati diversi interventi. L’associazione partigiani ha di seguito sfilato su corso Centocelle fino a piazzale degli Eroi per confluire alla cerimonia ufficiale del Comune. A fare da sottofondo all’alzabandiera ed alla deposizione di una corona di alloro al monumento ai Caduti, l’”Inno di Mameli e l’immancabile “Canzone del Piave” eseguiti dalla banda Giacomo Puccini che ha preso parte alle celebrazioni con le nuove divise e schierato tanti giovani e bravi musicisti. Toccante il momento della deposizione, quest’anno fatta dal sindaco Antonio Cozzolino e dal comandante del Cesiva, insieme al presidente dell’Anpi Giorgio Gargiullo. Al termine il sindaco ha lasciato la parola per un breve saluto al baby collega del consiglio dei Ragazzi, Francesco Marini. Un passaggio di testimone tra generazioni per “una commemorazione che rende – ha detto Cozzolino – il giusto tributo a chi è morto per la libertà”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui