Droga, due giovani pusher nella rete dei carabinieri!

Servizi mirati nella zona della movida hanno portato all'arresto di un ventenne ed un sedicenne per spaccio di hashish. Due le denunce e sanzioni amministrativi a due ristoranti

0
156

L’attività di prevenzione e repressione dei Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia non si ferma e, nella settimana clou dell’estate, è stato alzato il livello di guardia. Sabato i militari hanno messo in campo un servizio straordinario di controllo nei luoghi della movida giovanile, al quale sono intervenuti anche i militari del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Roma. Bilancio della serata sono stati: 2 arresti, 2 denunce in stato di libertà, 5 segnalazioni alla Prefettura per uso di stupefacenti e 2 sanzioni amministrative a esercizi pubblici.

In particolare nella serata i militari della Radiomobile hanno sorpreso un giovane 20enne mentre cedeva una dose di hashish a un altro giovane. Lo scambio è avvenuto nei pressi di un fast food dove sono stati bloccati entrambi, con il minorenne che aveva acquistato 4,5 grammi di hashish. I militari hanno successivamente effettuato una perquisizione nell’abitazione del pusher dove hanno rinvenuto ulteriori 12 grammi della medesima sostanza stupefacente, già suddivisa in dosi, e un bilancino di precisione, il tutto sottoposto a sequestro. I carabinieri al termine degli accertamenti hanno arrestato il ventenne che è stato accompagnato presso la sua abitazione agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti mentre il minorenne è stato segnalato alla Prefettura di Roma per uso personale di sostanze stupefacenti.

I Carabinieri della Stazione di Civitavecchia Principale hanno invece arrestato un minorenne di 16 anni per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti. In particolare un militare libero da servizio ha notato uno strano movimento tra due giovanissimi e senza perderli di vista ha richiesto l’immediato intervento di una pattuglia che li ha bloccati entrambi. Infatti era avvenuto uno scambio nel quale il giovanissimo pusher aveva ceduto a una ragazza, anch’essa minorenne, una dose di 1 grammo di hashish. A seguito della successiva perquisizione domiciliare presso l’abitazione del pusher sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro ulteriori 19 grammi della medesima sostanza stupefacente, già suddivisi in dosi, e un bilancino di precisione. Al termine degli accertamenti il 16enne è stato arrestato e accompagnato presso il Centro di Prima Accoglienza per Minori di Roma a disposizione dell’Autorità Giudiziaria minorile per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti, mentre la ragazza acquirente è stata segnalata alla Prefettura di Roma per uso personale di sostanze stupefacenti.

Sempre la Sezione Radiomobile ha denunciato in stato di libertà per il reato di porto di armi o oggetti atti a offendere un 28enne bielorusso trovato in possesso di un grosso coltello a serramanico, sottoposto a sequestro. Il giovane, che non ha saputo giustificare il possesso del coltello, della lunghezza di circa 20 cm, è stato denunciato in stato di libertà alla locale Autorità Giudiziaria; denunciato in stato di libertà per il reato di guida in stato di ebbrezza alcolica un giovane che è stato sorpreso alla guida dell’autovettura in stato di ebbrezza alcolica confermato da specifico accertamento tecnico. Allo stesso è stata inoltre ritirata la patente di guida; sono state inoltre ritirate 4 patenti di guida per infrazioni al Codice della Strada; i militari hanno inoltre segnalato alla Prefettura di Roma 4 giovani trovati in possesso di sostanza stupefacente per uso personale. I giovani sono stati trovati complessivamente in possesso di 18 grammi di hashish, sottoposta a sequestro.
Nel corso del servizio i militari della Stazione di Civitavecchia Porto, unitamente ai militari del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità, hanno sottoposto a controllo nelle attività di ristorazione sul lungomare cittadino. All’esito del controllo sono state elevate 2 sanzioni amministrative per un totale di 3000 euro per inosservanze alle norme igieniche e mancata tracciabilità e conservazione dei prodotti ittici.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here