L'imprenditore italiano proprietario del Billionaire sta benissimo, alla faccia di chi gli augurava i peggiori mali

E dopo Porro, Bolsonaro e Boris Johnson anche con Briatore i tifosi del Covid devono attaccarsi “al tram”

186

“Questo è il karma”, “se l’è cercata quel negazionista”, “chi se ne frega, meglio lui che io”. Queste sono solo alcune delle frasi che moltissimi tra i tifosi del Covid hanno spiattellato sui social alla notizia della positività di Flavio Briatore al Coronavirus.

Beh, in tempi record l’imprenditore si è ripreso ed ora è in isolamento a casa dell’amica Daniela Santanchè, anche questa volta quindi gli odiatori del web dovranno simpaticamente attaccarsi al tram. Dispiace per loro, dopo Nicola Porro, Jair Bolsonaro e Boris Johnson, tutti e tre oggetti di insulti indicibili ed auguri di morte, stavolta qualcuno sperava davvero che Briatore ci lasciasse le penne.

E questo deve farci riflettere seriamente su come è diventata la nostra società: un agglomerato di soggetti invidiosi e sclerotici che con la bava alla bocca sperano nel “karma”

Briatore all’uscita dal San Raffaele di Milano

e quindi nella morte di chi, come nel caso di questi 4 signori elencati sopra, si permette di urlare il proprio dissenso di fronte alla terrificante gestione da parte del governo in materia di Coronavirus.

Flavio Briatore si è preso la sua piccola rivincita sugli ultrà del Corona, la prima vittima della sua vendetta è stato l’assessore bolognese Claudio Mazzanti, che gli dedicò un bel post: “Al mondo c’è una giustizia divina, vi ricordate cosa diceva Briatore sul Covid, tutte invenzioni, contro il governo che applica misure di tutela contro la pandemia, contro i sindaci che facevano chiudere le discoteche quando non rispettavano le norme di sicurezza, sembrava di sentire Salvini la Meloni ecc…. Ecco il risultato 60 contagiati al Bilioner e più lui ,che giustamente se le preso il Covid, adesso vedrete farà meno lo sbruffone”.

Flavio Briatore risponde su instagram all’assessore Pd Claudio Mazzanti

Dall’ospedale San Raffaele di Milano, l’imprenditore prende il telefono e rimette al proprio posto il maldestro assessore: “Spera nella giustizia divina ma se non funzionati vengo a cercare. La mia funziona, ti metto in quarantena”.

Oggi invece, al primo giorno fuori dalle mura ospedaliere, Briatore è stato immortalato da diversi fotografi: “State lontani o vi attacco tutto”, ha detto tra il serio e lo scherzoso l’imprenditore che poi aggiunge sulle condizioni: “Sto bene”. In mano Briatore teneva il suo smartphone con cui faceva video ai giornalisti presenti per poi postare tutto sulle sue Instagram Story.

In questi giorni un pensiero anche al suo unico figlio Nathan Falco: “14 giorni passano veloci”, ha scritto Flavio Briatore condividendo una foto che lo vede sorridente insieme al suo unico figlio, prima che venisse ricoverato.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui