Il Paese va a picco, ma alla ASL è il momento di pari opportunitá e lotta alla discriminazione

E vai col Cug: ennesima scelta inopportuna da parte della Asl

218

Mentre noi evochiamo una Sanitá pubblica sconfessata miseramente nei suoi mentori dallo stile bullesco, ovvero il Mago Zinga ed il nero-corvino geometra D’Amato, umiliati due volte nel giro di poco dal TAR sui casi vaccini influenzali e tamponi, alla Asl di Viterbo ci si attarda, tra le delibere dell’ultim’ora per sistemare amici, sodali ed amori intensi (interessante quella per Direttore della UOC Psicologia) anche a nominare il CUG. E che sará mai il CUG? È l’acronimo di “Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunitá, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni’”.

Un’iniziativa epocale, tempisticamente in perfetta sintonia con le emergenze di questi giorni e che strappa “doverosamente” talune piccole osservazioni. Nel dispositivo (delibera 2190 del 26/10/2020) si legge che, tanto per cambiare, una Sociologa – di nostra conoscenza peraltro – la dottoressa Annunziata Minopoli, viene prestigiosamente chiamata a presiederlo. Beh, nulla fummo “tra cotanto senno”, ma nel massimo ossequio di tutte le professionalitá adunate, ad esempio l’immancabile psicologo e l’onnipresente assistente sociale, non si annovera l’unica veramente fondamentale: il Medico del Lavoro. Certo, l’anziano Direttore dello SPRESAL  sembra aver perso, dopo il Dipartimento, anche lo smalto degli anni ruggenti, forse non gode più dei favori della triade, ma quando si analizza la problematica del lavoratore discriminato ovvero oggetto di “mobbing”, come neanche tanto velatamente predica il mandato del CUG, bypassarlo così brutalmente è anche offensivo, oltrechè provocatorio, ma evidentemente si vogliono risolvere questi fenomeni in maniera alternativa e risultati scontatamente poco soddisfacenti.

Chissà se in passato… ma ha un passato questo Comitato? Ha affrontato una qualche casistica, ma, principalmente, ha una casistica? E di che genere? Cristiani-Musulmani, Gay-Bisex-Monosex, Scapoli-Ammogliati? Sicuramente il Presidente Minopoli è e rimarrà un’assoluta garanzia anche per queste necessità aziendali, il suo importante passato ne dimostra la spiccata versatilitá e l’indubbia flessibilitá d’applicazione (una banalitá quest’ultima per chi si è ritrovata a gestire quasi un milioncino di euro con la Prisma), tuttavia una domanda è d’obbligo e la giriamo alla somma triade: ma niente niente questo CUG nasconde la chiave di volta per annientare, almeno localmente, il Covid-19?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui